Autore: Marina Curilov

Frasi, aforismi e citazioni più belle della settimana 30 marzo – 5 aprile 2020

Frasi, aforismi e citazioni più belle della settimana 30 marzo – 5 aprile 2020

La raccolta settimanale delle frasi, degli aforismi e delle citazioni più belle sulla vita, sull’amore e sul benessere. Lunedì 30 marzo: Il maggior ostacolo del vivere è l’attesa, che dipende dal domani ma spreca l’oggi. Lucio Anneo Seneca Martedì 31 marzo: E’ certo che nel…

Frasi, aforismi e citazioni più belle della settimana 23 – 29 marzo 2020

Frasi, aforismi e citazioni più belle della settimana 23 – 29 marzo 2020

La raccolta settimanale delle frasi, degli aforismi e delle citazioni più belle sulla vita, sull’amore e sul benessere. Lunedì 23 marzo: L’inizio del giorno è una sequenza naturale di colori e sentimenti puri. Floriana Lauriola Martedì 24 marzo: Oggi la vera libertà è spegnere tutto,…

Perché le diete falliscono? 4 motivi sorprendenti per cui non riesci a dimagrire

Perché le diete falliscono? 4 motivi sorprendenti per cui non riesci a dimagrire

Si stima che un italiano su due segue una dieta, ma la maggior parte di loro non raggiunge gli obiettivi prefissati. In questo post cercherò di indagare di più sulla domanda “perché le diete falliscono” e presenterò 4 motivi sorprendenti per cui non riesci a dimagrire.

Circa 45 milioni di americani e 20 milioni di italiani si mettono a dieta almeno una volta all’anno.  Fra questi ci sono persone che provano a seguire una dieta addirittura 4-6 volte all’anno. Questo significa che i primi tentativi non hanno avuto successo e devono ricominciare tutto da capo.

Di conseguenza, molte persone perdono la motivazione, smettono di provarci oppure diventano facili prede di chi promette pozioni magiche e soluzioni miracolose, che fanno dimagrire senza sforzo e senza rinunciare alle proprie abitudini alimentari.

Vi sono tantissime ragioni perché le diete falliscono, ma quello che sto per dirti ti aiuterà ad allontanare la frustrazione, a ritrovare la motivazione e a scegliere il piano dietetico più adatto al tuo caso.

4 motivi sorprendenti per cui non riesci a dimagrire

#1 Assumi troppo poche calorie

perché non riesci a dimagrire - assumi poche calorie

Lo dicono tutti i dietologi, la regola d’oro perché un regime dietetico abbia successo è di ridurre il numero delle calorie ingerite. Non è possibile perdere peso continuando ad assumere lo stesso numero di calorie ogni giorno. E qui siamo tutti d’accordo.

Succede invece, che tantissime persone decidono di ridurre di troppo le calorie assunte, e consumare troppo poco cibo può portare il nostro corpo a reagire nel modo opposto a quello desiderato. In queste condizioni il nostro organismo inizia a “conservare” l’energia anziché bruciarla, compromettendo i nostri sforzi di dimagrimento.

Il digiuno, se fatto nel modo giusto, è sicuramente benefico. E qui ribadisco, bisogna farlo nel modo giusto. Leggi anche LA DIETA DEL DIGIUNO INTERMITTENTE – COME FARLA E QUALI CONTROINDICAZIONI HA?

Indubbiamente dovrai ridurre il numero delle calorie che assumi durante il giorno per poter vedere un’effettiva perdita di grasso, ma lo devi fare in modo tale da poter mantenere attivo il tuo metabolismo e da non sacrificare la massa magra.

Guarda il video ==> Vuoi dimagrire? Stai alla larga da questi 3 cibi “dietetici”!

#2 Mancanza di sazietà

perché le diete falliscono - mancanza di sazietà

Un altro grande problema presente nella maggior parte delle diete convenzionali è che non forniscono come dovrebbero il giusto apporto di due nutrienti principali: proteine e fibre.

Perché il nostro organismo funzioni perfettamente e perda peso, abbiamo bisogno di proteine. Un altro pregio enorme delle proteine è il fatto che vengono scomposte più lentamente prolungando il senso di sazietà. E come fai a goderti una dieta se hai sempre fame?

Non solo le proteine, anche le fibre (che si trovano nella frutta e nella verdura fresca) fanno sì che la digestione rallenti ancora di più.

Purtroppo molte diete drastiche sono davvero carenti di proteine. Altre scoraggiano il consumo di frutta, promuovendo solamente l’assunzione di verdura.

L’apporto giusto e l’equilibro fra questi due ingredienti sono indispensabili per la buona riuscita di un piano dietetico e per garantire risultati più veloci e duraturi.

Guarda il video ==> I 5 segreti per dimagrire velocemente

#3 Hai poco tempo per cucinare

perché le diete falliscono - manca il tempo per cucinare

Chi di noi ha a disposizione mezza giornata per cucinare, come si faceva una volta? Oggigiorno i ritmi di vita sono cambiati e abbiamo sempre meno tempo da dedicare alla cucina. Per fortuna abbiamo a disposizione un varietà di ingredienti molto più ricca, rispetto a quella dei nostri nonni.

Tuttavia, molti piani dietetici propongono ricette complesse, preparate con ingredienti costosi oppure difficili da reperire. Tutto ciò contribuisce a complicare ancora di più la situazione, va a colpire la nostra motivazione e ci porta al fallimento.

È fondamentale scegliere una dieta che si basa su ingredienti semplici, che non richiedono troppo sforzo e tempo per essere preparati e che possano fare in modo che la dieta sia anche divertente da seguire.

Una dieta dovrebbe prendere in considerazione il tuo stile di vita, non dovrebbe rubarti il tempo prezioso e demotivarti ancora di più.

#4 La dieta ha una durata troppo lunga

perché non riesci a dimagrire - dieta troppo lunga

Ogni piano dietetico deve avere come obiettivo il raggiungimento di risultati a lungo termine. Nel senso che, una volta dimagriti, dovremmo essere in grado di mantenere il peso forma.

Quindi, un piano dietetico deve essere strutturato in modo tale da permettere all’organismo di liberarsi dai chili in più senza riprenderli una volta finita la dieta. Per questo motivo, tanti piani dietetici hanno una durata lunga.

Tuttavia, seguire una dieta di dimagrimento specifica per un mese e oltre può diventare stancante e può mettere a dura prova la nostra motivazione e la nostra buona volontà.

È stato dimostrato che i risultati migliori vengono ottenuti seguendo diete abbastanza brevi e per periodi di tempo ben definiti, come ad esempio le diete che durano due settimane.

Perché due settimane? Risulterebbe che proprio questo è il periodo di tempo più ottimale per creare delle nuove abitudini alimentari e di vita che durino nel tempo.

Due settimane, inoltre, sono abbastanza per poter iniziare a vedere dei bei risultati, ma non troppo per perdere la motivazione.

Conclusione:

Considerate queste quattro ragioni diventa chiaro perché le diete falliscono nella maggior parte dei casi. Un piano dietetico deve tenere conto delle nostre possibilità, del nostro stile di vita, deve aiutarci a mantenere la motivazione e a migliorare l’autostima.

Per poter adottare l’approccio giusto dobbiamo innanzitutto essere informati, sapere come funziona il nostro organismo e il processo di dimagrimento, e come possiamo migliorare le nostre chance di successo.

Ho preparato per te un e-book gratuito, che ti aiuterà a scoprire di più sui meccanismi che portano alla perdita di peso e sul tipo di alimentazione da seguire per ottenere risultati duraturi in breve tempo. Lo puoi scaricare QUI.

Ho parlato prima delle diete che durano 2 settimane.

Devi sapere che, qualche anno fa, Brian Flatt, un personal trainer e nutrizionista, ha messo appunto un piano dietetico della durata di due settimane e che prende in considerazione tutti i 4 fattori menzionati sopra.

Più che di una dieta, si tratta di una vera e propria guida, che puoi personalizzare a seconda dei tuoi bisogni e delle tue abitudini. Questo programma non solo ti aiuta ad impostare un piano alimentare che ti aiuterà a perdere massa grassa, ma propone anche un manuale motivazionale (indispensabile per chiunque segua un regime dietetico) e in più una serie di esercizi semplici e facili da eseguire comodamente da casa, per velocizzare il processo di dimagrimento.

Leggi di più qui: COME PERDERE PESO VELOCEMENTE CON LA DIETA DELLE 2 SETTIMANE? FUNZIONA?

E tu hai mai seguito una dieta? Come è andata? Condividi con me la tua esperienza lasciandomi un commento qui sotto.

Grazie per aver letto questo articolo, spero con tutto il cuore di esserti stata utile.

A presto,

Frasi, aforismi e citazioni più belle della settimana 16 – 22 marzo 2020

Frasi, aforismi e citazioni più belle della settimana 16 – 22 marzo 2020

La raccolta settimanale delle frasi, degli aforismi e delle citazioni più belle sulla vita, sull’amore e sul benessere. Lunedì 16 marzo: Un raggio di sole è sufficiente per spazzare via molte ombre. San Francesco d’Assisi Martedì 17 marzo: Dimentica le sconfitte di ieri, ignora i…

Frasi, aforismi e citazioni più belle della settimana 9 – 15 marzo 2020

Frasi, aforismi e citazioni più belle della settimana 9 – 15 marzo 2020

La raccolta settimanale delle frasi, degli aforismi e delle citazioni più belle sulla vita, sull’amore e sul benessere. Lunedì 9 marzo: Vedere, sentire, amare. La vita è un dono di cui sciolgo i nastri ogni mattina al risveglio. Christian Bobin Martedì 10 marzo: Non si…

Cellulite: 7 trattamenti estetici che funzionano

Cellulite: 7 trattamenti estetici che funzionano

La cellulite è un inestetismo che preoccupa moltissimo le donne e può diventare fonte di imbarazzo e disagio. Tantissime donne scelgono di sottoporsi a diverse tecniche e cure anticellulite, ma vediamo quali sono i trattamenti estetici che funzionano davvero. 

Cos’è la cellulite?

Il termine medico per definire ciò che chiamiamo “cellulite” è panniculopatia edemato-fibro-sclerotica (Pefs).

La cellulite è una degenerazione del grasso cutaneo dovuta fondamentalmente a due cause:

Esistono diversi fattori di rischio, che possono portare facilitare la comparsa della cellulite, e fra questi vi sono:

  • l’appartenenza al sesso femminile;
  • l’appartenenza alla razza caucasica;
  • gli squilibri ormonali (ciclo mestruale, gravidanza, menopausa…);

Il problema può essere aggravato da:

  • lo stile di vita sedentario;
  • l’alimentazione scorretta;
  • il fumo;
  • l’alcol;
  • la cattiva postura;
  • l’abbigliamento troppo stretto;
  • l’eccessiva esposizione al sole.

Per poter curare la cellulite in modo efficace bisogna tener conto della causa primaria del disturbo e adottare un approccio a 360 gradi, eliminando tutte le cattive abitudini che possono far peggiorare il problema.

Cellulite-trucco-video-clickbank-banner

Per eliminare la cellulite esistono diversi trattamenti estetici, ma vediamo quali sono i trattamenti che funzionando avvero.

7 trattamenti estetici anticellulite efficaci

#1 Termosauna con massaggio

trattamenti-anticellulite-termosauna

È un trattamento anticellulite di grande efficacia. Si tratta di creare un effetto sauna con l’aiuto di una coperta termica.

Prima di essere avvolta in questo plaid termico, la persona viene completamente ricoperta con delle sostanze che fanno sudare, come la paraffina, soluzioni saline o gel modellanti. Si rimane così per circa un’ora: si tratta della cosiddetta fase di svuotamento, durante la quale, sudando, si perdono i liquidi in eccesso e le tossine.

Successivamente è necessario lasciare la persona riposare sul lettino per qualche minuto per la “fase di reazione”.

La face successiva del trattamento è il rimodellamento, che avviene attraverso massaggi manuali mirati, che si avvalgono anche dell’uso di oli essenziali e prodotti specifici.

Quali controindicazioni?

Questo trattamento non è indicato per chi ha problemi di pressione (bassa o alta), di vene varicose o di capillari, poiché con il caldo li aggraverebbe ulteriormente.

Quanto spesso?

2-3 volte alla settimana.

#2 Fangoterapia

trattamenti-anticellulite-fangoterapia

Prima di spiegare di cosa si tratta, è fondamentale capire cosa sono i fanghi.

Esistono diversi tipi di fanghi, che sono composti da argille macerate in acqua termale, che vengono poi associate a componenti naturali, come le alghe (ricche di sostanze ad azione lipolitica), la centella asiatica (utile per sgonfiare), il caffè (uno stimolante dei processi lipolitici), il tè (azione antiossidante) ed altri.

Questo “impasto” crea un’azione sinergica che favorisce il rilassamento della muscolatura, stimolando le funzioni dell’organismo. Questi fanghi hanno un efficace proprietà di assorbimento di grassi e tossine.

Il procedimento dovrebbe iniziare con l’applicazione di uno scrub, che permette di eliminare le cellule morte e le tossine, lasciando la pelle più ricettiva al trattamento.

La fase successiva prevede un accurato massaggio drenante con l’aiuto di oli a base di estratti vegetali (alghe, edera, guaranà, capsico, rosmarino, ginepro ecc.). In questo modo vengono sbloccati i linfonodi, in modo da far scorrere la linfa accumulata nelle cellule, facilitando l’assorbimento dei ristagli e degli stati irritativi.

Solo successivamente vengono applicati i fanghi, si coprono con del cellophane e poi con una termocoperta e si lascia in posa per 25-30 minuti.

Il fango caldo crea vasodilatazione, che facilita lo smaltimento di liquidi e tossine in profondità.

Per finire, si lava via il fango e si massaggiano le parti interessate per drenare i liquidi in eccesso e sciogliere gli accumuli di grasso localizzato.

Quali controindicazioni?

Nessuna.

Quanto spesso?

Almeno 12 sedute, divise per 3 volte alla settimana.

#3 Massaggi riducenti

trattamenti anticellulite massaggio

Si tratta di massaggi manuali della durata di 45 minuti per seduta, preceduti da uno scrub e da una fiala con effetto riducente che viene applicata sulle zone critiche e rimane in posa per 10 minuti, creando un effetto calore.

Si inizia, quindi, con un massaggio che va a stimolare il microcircolo, con l’aiuto di una crema.

L’ultima fase consiste nell’applicazione di uno gel freddo, che creando vasocostrizione, ha un’azione tonificante e drenante.

Quali controindicazioni?

Nessuna.

Quanto spesso?

2-3 volte a settimana.

#4 Drenaggio linfatico manuale

trattamenti-anticellulite-massaggi-linfodrenanti

Chiamato anche linfodrenaggio, questa tecnica di massaggio particolare si pone l’obiettivo di spostare il liquido dalla zona in cui ristagna, verso i vasi linfatici.

A differenza dei massaggi tradizionali, il linfodrenaggio non si avvale dell’ausilio di oli o creme, poiché è indispensabile che vi sia una buona aderenza della mano del massaggiatore alla zona da manipolare, al fine di spingere nel modo migliore la pelle e il liquido accumulato sotto di essa.

Il drenaggio linfatico manuale, oltre a combattere la cellulite, contribuisce a calmare il dolore della zona in trattamento e rilassa i muscoli tesi.

Quali controindicazioni?

Nessuna.

Quanto spesso?

2-3 volte alla settimana.

Biosnel Formula Potenziata – Integratore per la Cellulite e le Ritenzione Idrica
Integratore naturale per contrastare gli inestetismi della cellulite e ritenzione idrica. Grazie agli estratti secchi titolati di Ananas,Centella,Garcinia Cambogia, Vite Rossa e Gynostemma libera il tessuto connettivo dall’infiammazione
Voto medio su 6 recensioni: Buono
€ 28

#5 Pressoterapia

Questo è un trattamento anticellulite efficace soprattutto in caso di edemi e gonfiori. Può essere praticato d estetiste professioniste, fisioterapisti e medici.

La pressoterapia si effettua inserendo la gamba in un macchinario che, gonfiandosi e sgonfiandosi ritmicamente per circa 45 minuti, drena i liquidi, migliorando la circolazione.

L’effetto anticellulite si basa su un’azione fisica che agisce sulla circolazione venosa e linfatica rendendola più efficiente e migliorando di conseguenza gli inestetismi.

Quali controindicazioni?

Sconsigliata in presenza di varici o flebiti.

Quanto spesso?

2 volte alla settimana per almeno 2-3 mesi.

#6 Elettrostimolazione

elettrostimolazione

Questa è una tecnica che, mediante l’utilizzo di impulsi che agiscono sui punti motori dei muscoli e sui terminali nervosi, provoca una contrazione muscolare molto simile a quella volontaria.

Il suo funzionamento è molto semplice. Vengono applicati degli elettrodi sui muscoli delle gambe, delle cosce e dell’addome. L’intensità degli impulsi inviati dalla macchina può essere più o meno forte e viene regolata in base alla gravità del problema e alla sensibilità del paziente.

Utile per eliminare le adiposità, l’elettrostimolazione aiuta a ridurre la cellulite, essendo questa un problema legato anche ai tessuti che rivestono le fasce muscolari.

Generalmente, ciascuna seduta può dura 40 minuti e consiste in 4 fasi da circa 10 minuti. Le prime 3 consistono in un massaggio graduale di scioglimento, l’ultima in un drenaggio che elimina le tossine attraverso l’urina.

Quali controindicazioni?

Sconsigliata in caso di vene varicose (che solitamente, però, sono nella parte bassa della gamba).

Quanto spesso?

Almeno 10-15 sedute a cadenza settimanale.

Vuoi ottenere lo stesso effetto dei trattamenti cosmetici comodamente a casa tua? In soli 15 minuti al giorno per zona da trattare, questo apparecchio rivoluzionario, che combina 2 tecnologie all’avanguardia: l’elettrostimolazione muscolare e la terapia laser a bassa intensità, puoi sbarazzarti del grasso ostinato e della cellulite in sole 8 settimane.

VAI ALLA RECENSIONE COMPLETA<== (apre in una nuova scheda)">==>VAI ALLA RECENSIONE COMPLETA<==

#7 Microvibrazione compressiva

Questo metodo si avvale di un particolare manipolo, all’interno del quale è collocato un cilindro in cui sono installate 55 sfere rotanti.

L’azione rotatoria di questo macchinario agisce come una pompa che libera i tessuti cellulitici dai liquidi in eccesso e dalle tossine che ristagnano nel tessuto connettivo sottocutaneo, facilitando il drenaggio verso i connettori linfatici e le stazioni ghiandolari annesse.

In questo modo si ottengono una riduzione e una riossigenazione della zona trattata. Il moto oscillatorio di questo strumento, invece, agisce sul microcircolo, inducendo un effetto meccanico di vaso-costrizione e vaso-dilatazione. Questo ha come risultato un miglioramento della circolazione sanguigna.

Quali controindicazioni?

Nessuna.

Quanto spesso?

Almeno 1 volta alla settimana.

Conclusione:

Se soffri di cellulite e sei alla ricerca di trattamenti estetici che funzionano, quelli inclusi nell’elenco qui sopra sono sicuramente fra i più efficaci in assoluto. Senza dubbio, prima di scegliere il trattamento da effettuare, è fondamentale valutare bene la situazione, il tipo di cellulite di cui si soffre e le cause primarie, che hanno portato allo sviluppo dell’inestetismo.

Non dimentichiamoci anche della prevenzione, dell’importanza di uno stile di vita attivo e di un’alimentazione sana ed equilibrata.

Solo agendo su più fronti, con un’azione sinergica, è possibile combattere efficacemente la cellulite e prevenirne la ricomparsa.

Risorse:

“Cellulite addio”, di Emanuela Sacconago

Reduction in thigh circumference and improvement in the appearance of cellulite with dual-wavelength, low-level laser energy and massage.

The Effects of Neuromuscular Electrical Stimulation Training on Abdominal Strength, Endurance, and Selected Anthropometric Measures.

Frasi, aforismi e citazioni più belle della settimana 2 – 8 marzo 2020

Frasi, aforismi e citazioni più belle della settimana 2 – 8 marzo 2020

La raccolta settimanale delle frasi, degli aforismi e delle citazioni più belle sulla vita, sull’amore e sul benessere. Lunedì 2 marzo: A ciascuno il compito di trasformare le proprie ferite in punti di inserimento per le ali. J.W.N.Sullivan Martedì 3 marzo: E’ inutile per l’uomo…

Frasi, aforismi e citazioni più belle della settimana 24 febbraio – 1 marzo 2020

Frasi, aforismi e citazioni più belle della settimana 24 febbraio – 1 marzo 2020

La raccolta settimanale delle frasi, degli aforismi e delle citazioni più belle sulla vita, sull’amore e sul benessere. Lunedì 24 febbraio: Non c’è mai stata notte, che non abbia avuto un mattino. Dinah Craik Martedì 25 febbraio: La più antica e potente emozione umana è…

Il nuovo coronavirus: come avviene il contagio, sintomi, cure e come difendersi

Il nuovo coronavirus: come avviene il contagio, sintomi, cure e come difendersi

Ultimamente si parla moltissimo del nuovo virus, che sta seminando il panico in tutto il mondo. In questo post cercherò di chiarire di cosa si tratta, cos’è in pratica il Coronavirus, come avviene il contagio, quali sono i sintomi principali e, soprattutto come difendersi.

Aggiornato al 30 marzo 2020

A febbraio il tanto temuto Coronavirus è giunto anche in Italia ed è riuscito a destabilizzare non solo la situazione sanitaria ed economica, ma anche l’equilibrio psicologico delle persone.

Un merito particolare in questo caso va sicuramente ai media, che non perdono l’occasione di inculcare terrore nelle persone.

Indubbiamente, fare informazione è fondamentale, ed è giusto mettere i cittadini al corrente delle ultime notizie, delle statistiche e delle misure importanti da intraprendere.

Purtroppo nei primi tempi del soggiorno del Coronavirus in Italia, si era creato uno stato di panico totale fra le persone, un senso di paura e di terrore, che ha condizionato il nostro comportamento, portando ad assalti ai supermercati; ad aggredire chi, anche lontanamente, assomiglia ad un originario del paese della Grande Muraglia; e a diffidare dei propri parenti e vicini di casa.

Per fortuna ci stiamo pian piano abituando al nuovo stile di vita e al pensiero che quest’emergenza dovrà far parte della nostra quotidianità ancora per un po’ di tempo.

Vediamo allora cos’è questo virus, che ha colpito tutto il mondo di sorpresa.

Cos’è il coronavirus?

il nuovo coronavirus covid-19

Il coronavirus, dal nome ufficiale Covid-19, fa parte di un’ampia famiglia di virus, che possono provocare malattie che vanno da un comune raffreddore a malattie più gravi come la sindrome respiratoria mediorientale (MERS-CoV) e la sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoV).

Il nome di questo gruppo di virus è dovuto alla sua forma, precisamente alle punte a forma di corona che sono presenti sulla loro superficie.

Il coronavirus Covid-19 è un nuovo ceppo della famiglia dei coronavirus, che non è stato precedentemente identificato nell’uomo, prima di essere segnalato a Wuhan, in Cina a dicembre 2019.

Secondo i dati ufficiali, nel momento in cui sto scrivendo questo post, in Italia ci sono 73880 persone risultate positive al test per il coronavirus. Nel frattempo 13030 persone sono guarite e, purtroppo, 10779 sono decedute.

Da dove viene il coronavirus Covid-19?

Esistono diverse teorie sulla nascita e la trasmissione di questo virus agli esseri umani. Alcune di queste teorie sono piuttosto controverse, altre sembrerebbero più attendibili, ma ancora non esiste nessuna prova della vera origine del Covid-19.

Ecco alcune delle teorie in circolazione:

  • Il Covid-19 è un virus zoonotico, cioè trasmesso dagli animali all’uomo. In questo caso sarebbero i pipistrelli la fonte primaria – teoria sostenuta dalla gran parte del mondo scientifico.
  • Il Covid-19 è un virus creato in un laboratorio in Cina, come arma biologica, e che accidentalmente è “scappato” dalle mani degli scienziati che lo hanno sviluppato.
  • Il Covid-19 è frutto di un complotto degli SUA contro la Cina, con lo scopo di minare la sua crescente forza economica.

Le ultime due teorie complottiste sono state per il momento smentite dagli scienziati. E mentre sull’origine del virus ancora non vi è totale chiarezza, non esiste nessun dubbio sulle modalità di contagio, i sintomi principali, e su come difenderci dall’infezione.

Quali sono i sintomi del coronavirus Covid-19?

Ecco un breve video del Ministero della Salute, che spiega quali sono i principali sintomi del nuovo coronavirus:

I sintomi principali di questo virus includono principalmente i sintomi respiratori, ma tutto sommato sono simili ad un comune virus influenzale. Ecco i segni di un coronavirus:

Di solito questi sintomi si risolvono dopo un breve periodo di tempo, ma in alcuni casi possono sfociare in malattie più gravi, come polmoniti e insufficienze respiratorie.

Le persone più anziane e con qualche problema di salute preesistente sono più vulnerabili alle complicanze da coronavirus, che in persone particolarmente debilitate, può diventare letale.

L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ribadisce che la mortalità dovuta al Covid-19 riguarda in modo particolare le categorie a rischio:

  • anziani;
  • persone con altre patologie gravi e debilitanti (patologie cardiovascolari, diabete, cancro ecc.);
  • persone con il sistema immunitario compromesso.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), nella maggior parte delle persone questo virus si manifesta con sintomi lievi o moderati e si risolve in poco tempo.

Nuovo Coronavirus – come avviene il contagio?

il nuovo coronavirus - come avviene il contagio

Il contagio avviene principalmente attraverso il contatto con altre persone che hanno contratto il virus. La via principale di trasmissione è quella respiratoria (naso, bocca). Quindi, quando una persona contagiata tossisce, starnutisce o respira ha maggiori probabilità di infettare gli altri.

Il Covid-19 può sopravvivere anche sulle superfici, perciò è possibile contrarre il virus toccando ad esempio maniglie, oggetti di uso comune e portando le mani agli occhi, alla bocca o al naso.

È ancora in corso la ricerca sulle modalità di trasmissione del nuovo coronavirus, ma è abbastanza chiaro che si tratta di un tipo di virus particolarmente contagioso e di rapida diffusione.

Il Ministero della salute italiano ha istituito un sito dedicato al nuovo coronavirus Covid-19, che si trova a questo indirizzo: Nuovo Coronavirus.

Qui puoi trovare tutti gli aggiornamenti in tempo reale, le statistiche ed i consigli su come proteggere te stesso ed i tuoi cari.  

Coronavirus – come difendersi?

il nuovo coronavirus - come difendersi

Data la rapida diffusione ed appurato che si tratti di un virus altamente contagioso, è fondamentale evitare il contatto con le persone che presentano sintomi influenzali.

La distanza di sicurezza è di almeno 1 metro.

L’Organizzazione mondiale della sanità viene inoltre con dei suggerimenti per minimizzare il rischio di contagio e di diffusione. Questi suggerimenti si trovano anche sul sito dedicato del Ministero della Salute e possono essere scaricati in formato pdf.

Il giorno 5 marzo, nel corso della conferenza stampa presso la Protezione civile che ha tenuto insieme al Presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli, il professor Silvio Brusaferro ha presentato alcune raccomandazioni per la prevenzione del contagio con Coronavirus. Ecco i comportamenti da seguire, promossi dall’Istituto Superiore di Sanità e Ministero della Salute a cui hanno aderito Ordini Professionali e Società Scientifiche. Clicca sul pulsante sottostante per scaricare il pdf:

In breve questi sono gli accorgimenti che ci aiuteranno a difenderci al meglio dal Covid-19:

  • lavarci spesso le mani;
  • evitare il contatto con le persone affette da sintomi respiratori;
  • non toccare occhi, naso, o bocca con le mani;
  • coprire naso e bocca se starnutisci o tossisci;
  • non prendere farmaci antivirali o antibiotici non prescritti dal medico;
  • disinfettare le superfici e gli oggetti;
  • usare la mascherina solo in caso di sintomi;
  • evitare di viaggiare, se possibile;
  • chiamare il medico di base oppure il 112 se pensi di essere stato contagiato.

L’Istituto superiore di sanità e il Centro europeo di prevenzione e controllo delle malattie hanno anche realizzato un vademecum, che risponde ai dubbi e alle preoccupazioni più frequenti e affianca le raccomandazioni per la prevenzione.

Il ministero della Salute ha anche istituito il numero verde 1500 per fornire alla popolazione più informazioni sul coronavirus.

Rafforzare le difese immunitarie

E’ stato dimostrato che le persone con un sistema immunitario più forte riescono ad affrontare meglio questo virus e raramente sviluppano complicanze pesanti.

Restano quindi in vigore le solite raccomandazioni che riceviamo prima di qualsiasi stagione influenzale e, cioè, di prenderci cura della nostra salute e di cercare di rafforzare le nostre difese immunitarie.

Uno studio recente dell’Università di Torino ha dimostrato, inoltre, che assumere più vitamina D può aiutare a ridurre il rischio di contagio. Secondo i dati che hanno raccolto in questi giorni, gli scienziati segnalano che che la maggior parte dei pazienti ricoverati con Coronavirus presentano un’insufficienza di vitamina D.

Leggi anche ==> 14 SINTOMI DA CARENZA DI VITAMINA D

Quali sono le cure in caso del coronavirus?

Per il momento non esiste un vaccino contro il Covid-19. Secondo gli ultimi aggiornamenti ci vorrà almeno 1 anno perché il vaccino sia pronto per la commercializzazione.

Nel frattempo vengono adoperati farmaci antivirali e farmaci per curare i sintomi (paracetamolo o tachipirina, FANS, antibiotici ecc.).

La settimana scorsa l’Aifa (l’Agenzia italiana del farmaco) ha dato il via libera alla sperimentazione del farmaco antivirale giapponese Avigan per il trattamento del Covid-19.

Su Internet girano diverse notizie bufale, che descrivono gli effetti dei farmaci antinfiammatori (come quelli contenenti ibuprofene) nella cura del Coronavirus.

È fondamentale “filtrare” notizie del genere, usare il buon senso, seguire le disposizioni dell’Istituto superiore di sanità e usare i farmaci solo previa consiglio del medico di fiducia.

Conclusione

Questo è in breve ciò che si sa al momento sul nuovo coronavirus: come avviene il contagio, i sintomi, le cure e come difendersi dal Covid-19.

Senz’altro conforta sapere che i governi dei paesi colpiti e la società scientifica stanno facendo tutto il possibile per contrastare questa pandemia.

Per fortuna, tantissime persone sono guarite dal coronavirus, molti dopo aver manifestato solo alcuni sintomi lievi, tipici di un raffreddore o di un’influenza.

Questo dovrebbe aiutarci a mantenere la calma e a non cedere al panico ogni volta che sui vari social media vediamo post e video surreali, destinati solo a farci immaginare il peggio.

Scegliamo quindi di non diffondere queste notizie e di cercare di affrontare la situazione con la massima serenità, mantenendo la lucidità e il buon senso.

Non serve a niente fare scorte di viveri e barricarsi in casa senza un motivo reale.

È vero che si tratta di un’emergenza, ma in Italia viene affrontata in modo giusto, i focolai sono stati circoscritti e prima o poi la situazione tornerà alla normalità, sia nelle località maggiormente colpite dal virus, che nel resto dell’Italia e del mondo.

Nel frattempo, stiamo a casa, prendiamo le dovute precauzioni e usiamo il buon senso! Dopo tutto si sa che lo stress influisce negativamente sulle nostre difese immunitarie!

Risorse:

  1. Istituto superiore di sanità
  2. Ministero della Salute
  3. World Health Organization

Se ti è piaciuto questo articolo lasciami un commento qui sotto e condividilo con i tuoi amici. Grazie di cuore!

Frasi, aforismi e citazioni più belle della settimana 17 – 23 febbraio 2020

Frasi, aforismi e citazioni più belle della settimana 17 – 23 febbraio 2020

La raccolta settimanale delle frasi, degli aforismi e delle citazioni più belle sulla vita, sull’amore e sul benessere. Lunedì 17 febbraio: L’uomo è nato per vivere, non per prepararsi a vivere. Boris Pasternak Martedì 18 febbraio: Dentro un ring o fuori, non c’è niente di…