Come eliminare la pancia velocemente – 8 cose da NON fare e consigli anti-pancetta

Un po’ di grasso addominale serve per proteggere i nostri organi interni, ma troppa pancia è sinonimo di poca salute. Molto spesso limitare il numero di calorie non basta per eliminare la pancia velocemente, bisogna anche evitare di fare alcune cose.

L’eccesso di grasso addominale (chiamato anche grasso viscerale) produce ormoni e adipochine, sostanze che penetrano nei vasi sanguigni e negli organi interni causando infiammazioni, disturbi cardiovascolari e diabete. È stato inoltre dimostrato che le adipochine, che si trovano nel tessuto adiposo, possono facilitare la comparsa dell’emicrania cronica (Fonte: “Cephalalgia” – rivista scientifica internazionale sulla cefalea).

Per prevenire tutti questi problemi di salute e per migliorare il benessere psicofisico bisogna ridurre il girovita, ossia perdere peso.

Lo sapevi che: Quando si dimagrisce, si tende ad eliminare il 30 % in più il grasso addominale rispetto al grasso corporeo totale.

Le scelte che facciamo ogni giorno, le nostre abitudini alimentari e di vita, possono influenzare moltissimo i risultati del percorso di dimagrimento e vi sono alcune cose da evitare assolutamente se vogliamo eliminare la pancia in poco tempo.

8 cose da NON fare per eliminare la pancia velocemente

consigli-dimagrire-pancia-grassi-pancialeggera

1 – Evitare i grassi

Per sbarazzarsi della odiosa pancetta non bisogna eliminare i grassi dalla nostra dieta. In modo particolare si tratta di grassi monoinsaturi (indicati con l’acronimo MUFA, dall’inglese MonoUnsaturated Fatty Acids).

A seguito di una ricerca è stato dimostrato che le donne che seguivano una dieta da 1600 calorie al giorno e ricca di grassi MUFA sono riuscite a perdere un terzo del grasso addominale in un solo mese.

Consiglio anti-pancetta: Consumare una porzione di grassi MUFA ad ogni pasto – un cucchiaino di olio d’oliva, un quarto di un avocado, una manciata di noccioline.  


consigli-come-eliminare-la-pancia-depressione-pancialeggera

2 – Sottovalutare i sintomi depressivi e lo stress

È risaputo che quando siamo tristi cerchiamo conforto nel cibo e ci muoviamo di meno, pertanto il nostro metabolismo rallenta, l’apporto calorico giornaliero aumenta e di conseguenza aumenta anche il girovita.

Anche lo stress può avere un effetto negativo sulla nostra linea e sulla nostra salute. Come? Nei periodi di stress le nostre ghiandole surrenali producono cortisolo, un ormone responsabile dell’accumulo di grasso addominale.

Leggi anche: Lo stress può fare ingrassare? 

Lo stress può fare ingrassare?

Consiglio anti-pancetta: Esistono diversi modi per combattere lo stress: esercizio fisico, yoga, meditazione, passare del tempo con gli amici, oppure semplicemente fare un’attività che ci piace e che ci gratifica (un hobby, cure di bellezza, leggere un buon libro, fare delle passeggiate a contatto con la natura ecc.). E mai sottovalutare il vostro stato emotivo. Se non riuscite ad imporvi di fare le cose che un tempo vi piaceva fare e vi sentite troppo giù, chiedete consiglio ad uno specialista.


Consigli di lettura:

Che cos’è esattamente lo stress? Da cosa nasce e come si può curare?

Una Vita senza Stress
I meccanismi che lo determinano – I rimedi naturali per guarire – Lo stile di vita da adottare – Test per calcolare il tuo livello di stress

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere


consigli-come-eliminare-la-pancia-alimentazione-pancialeggera

3 – Consumare cibi pronti, precotti o da fast-food

La maggior parte dei cibi in scatola o dei cibi da fast-food sono un concentrato di carboidrati e di zuccheri che fanno “impazzire” la glicemia e stimolano la produzione di insulina – un ormone che da l’ordine al nostro fegato di accumulare grasso addominale.

Consiglio anti-pancetta: Inutile dire che bisognerebbe limitare il consumo di questi alimenti e preferire cibi genuini, ma se proprio non sappiamo resistere alla tentazione, dobbiamo concentrarci sull’aggiungere ad ogni pasto una porzione di verdure.


consigli-come-eliminare-la-pancia-magnesio-pancialeggera

4 – Sottovalutare l’importanza del magnesio

Il magnesio ha un ruolo importante in più di 300 funzioni del nostro organismo. Le persone che seguono una dieta ricca di magnesio hanno livelli più bassi di glicemia e di insulina nel sangue.

Consiglio anti-pancetta: Consumare almeno due volte al giorno cibi ricchi di magnesio: insalata a foglia verde scuro, spinaci, banane, frutta secca, legumi.


consigli-come-eliminare-la-pancia-carne-rossa-pancialeggera

5 – Consumare troppa carne rossa

A seguito di uno studio di ricerca svedese, è stato dimostrato che la carne rossa, ricca di grassi saturi, fa aumentare la pancia. I ricercatori hanno aggiunto alla dieta di due gruppi di adulti 750 calorie in più al giorno: il primo gruppo doveva consumare per sette settimane cibi ricchi di grassi saturi, ed il secondo gruppo, invece, alimenti ricchi di grassi polinsaturi. A seguito di questa dieta, il primo gruppo di adulti aveva accumulato il doppio del grasso viscerale, rispetto al secondo gruppo. (Fonte: health.com)

Consiglio anti-pancetta: Almeno una volta a settimana consumare una porzione di salmone o altro tipo di pesce ricco di acidi grassi polinsaturi. Ridurre il consumo di carni rosse e preferire altri fonti di proteine, povere di grassi saturi, come pollo, tacchino o legumi.


consigli-come-eliminare-la-pancia-birra-pancialeggera

6 – Consumare troppo alcol

Non solo birra, ma anche tutti gli altri tipi di alcol sono responsabili dell’accumulo di grasso addominale.

Consiglio anti-pancetta: Un bicchiere di vino bianco o rosso al giorno, nel contesto di una dieta sana e di uno stile di vita attivo, può dare tantissimi benefici alla nostra salute e al nostro benessere. Tuttavia non bisogna esagerare con il consumo di bibite alcoliche e superare i sette bicchieri settimanali, se vogliamo preservare la salute ed eliminare la pancia.


consigli-come-eliminare-la-pancia-vitamine-pancialeggera

7 – Pochi colori nel piatto

I colori della frutta e della verdura che mangiamo non sono soltanto una gioia per gli occhi, ma sono anche indici delle loro proprietà benefiche, della ricchezza di vitamine e di minerali. Ad esempio, i vegetali di colore rosso, giallo ed arancione sono una miniera di Vitamina C, che aiuta a ridurre i livelli di cortisolo – l’ormone dello stress.

Consiglio anti-pancetta: Aggiungere più colori ad ogni pasto: salse vegetali, insalate o contorni di verdura colorata.


consigli-come-eliminare-la-pancia-esercizio-fisico-pancialeggera

8 – Non sudare abbastanza durante l’esercizio fisico

È stato dimostrato che gli allenamenti ad alta intensità (che alternano periodi brevi ad alta intensità di lavoro con periodi di recupero attivo in cui si svolgono esercizi blandi) contribuiscono a bruciare più calorie in meno tempo e a perdere più grasso addominale. Questo tipo di allenamenti aiuta anche a ridurre i livelli di insulina, dei trigliceridi e di cortisolo.

Consiglio anti-pancetta: Se vi piace andare in bicicletta o correre, provate ad accelerare tanto da fare fatica a parlare per un paio di minuti, poi rallentate per un minuto e ripetete.

Con un pizzico di attenzione in più alle cose da evitare, insieme ad alcuni accorgimenti sullo stile di vita e di alimentazione, eliminare la pancia velocemente non sarà più un’impresa così difficile.


Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con i tuoi amici, lasciaci un commento e seguici anche su Facebook e Twitter.

Macrolibrarsi.it

Estratto di succo verde a 5D – disintossicante, depurativo, drenante, dimagrante e digestivo

Questa è una ricetta semplice di un estratto di succo vivo, un elisir della salute, della longevità e della bellezza. Di solito si tratta delle quattro D della salute: disintossicare, depurare, drenare e dimagrire. Io ho aggiunto anche la quinta D che sta per digerire, perché questo succo fresco è ottimo anche per stimolare e migliorare l’attività del nostro apparato digerente, andando ad eliminare sintomi fastidiosi come pesantezza, gonfiore e nausea.

Per preparare questo succo verde a 5D ho usato un estrattore di succo. Ultimamente si parla molto dei diversi elettrodomestici per preparare succhi di frutta e verdura freschi: estrattori, centrifughe, frullatori…

estrattore-di-succo-pancialeggera

Per orientarci meglio in questo mare di proposte, dobbiamo sapere alcune cose importanti per quanto riguarda i succhi di frutta:

  1. Un succo di frutta e/o verdura è chiamato vivo se dopo la preparazione conserva tutte le sostanze preziose (vitamine, minerali, enzimi ecc.).
  2. Il calore dovuto alla frizione può distruggere una parte delle sostanze nutritive contenute nel succo. Gli enzimi ad esempio sono sensibili a temperature oltre 47 gradi.
  3. Queste vitamine, minerali ed enzimi vengono assimilati meglio se il succo è privo di fibre.
  4. Un succo di frutta e/o verdura è molto più digeribile rispetto agli alimenti solidi ed ha un tasso di assorbimento tre volte maggiore.

Fatta questa premessa, risulta chiaro che l’elettrodomestico che permette di estrarre un succo di frutta di qualità nutrizionale maggiore è un estrattore a freddo, perché permette di evitare il surriscaldamento dei componenti e separa il succo dalla fibra contenuta nella frutta o nella verdura che desideriamo usare.


estrattoreSe stai cercando di acquistare un estrattore di succo, QUI puoi trovare tantissime idee, opzioni e offerte. 

 


Il succo verde a 5D è una ricetta molto semplice, fatta di ingredienti molto comuni, ma allo stesso tempo di un’efficacia incredibile. Consumare regolarmente questo estratto di succo permette di disintossicare e depurare il corpo in modo naturale, aiuta a liberare l’organismo dalle tossine e dai liquidi in eccesso, facilitando anche la perdita di peso. Inoltre, l’azione sinergica dei suoi ingredienti aiuta a migliorare la digestione ed a prevenire il gonfiore addominale.

Quali sono gli ingredienti del succo verde 5D?

Mela

mela-verde-pancialeggera

Ho usato la mela verde, chiamata anche Granny Smith, che:

  • Contiene quantità maggiori di vitamina C, rispetto alle altre qualità di mela.
  • È ricca di flavonoidi, polifenoli e aminoacidi essenziali.
  • Favorisce la digestione, grazie agli acidi presenti nella polpa (malico e tartarico).
  • Grazie al contenuto di vitamine (C, A, B, E) aiuta a mantenere la pelle giovane, elastica ed idratata.

Cetriolo

cetriolo-pancialeggera

  • Facilita la perdita di peso, grazie alla presenza dell’acido tartarico, che impedisce ai carboidrati di trasformarsi in grassi.
  • Gli enzimi presenti nel cetriolo favoriscono la digestione, specie delle proteine.
  • Agisce come diuretico e disintossicante.
  • Agisce come gastroprotettivo (aiuta a riequilibrare i livelli di acidità gastrica).
  • Ottimo dissetante e rinfrescante.
  • Aiuta a reidratare i tessuti e a reintegrare i Sali minerali, proprietà molto utile soprattutto d’estate.

Sedano

sedano-succo-5D-pancialeggera

  • Uno dei diuretici e depurativi più potenti.
  • Contiene importanti quantità di potassio, fosforo, magnesio, calcio, vitamine C, E, K e alcune vitamine del gruppo B.
  • Utile in caso di gastriti ed ulcere, perché protegge la mucosa gastrica.
  • Facilita la digestione e previene il gonfiore addominale.

Zenzero

zenzero-succo-5D-pancialeggera

  • Accelera il metabolismo e riduce il senso di fame.
  • Combatte flatulenza e meteorismo.
  • Stimola la digestione ed è efficace contro la nausea.
  • Protegge la mucosa gastrica ed è utile contro l’Helicobacter pylori, il batterio responsabile delle ulcere allo stomaco.
  • Ottimo antinfiammatorio.
  • Abbassa i livelli di colesterolo nel sangue.

Limone

limone-succo-5D-pancialeggera

  • Ottimo antiossidante, grazie all’alto contenuto della vitamina C.
  • Depurativo e disintossicante.
  • Grazie al suo effetto alcalinizzante è utile contro l’acidità gastrica.
  • Ha effetti riequilibranti per l’intestino.
  • Antitumorale (fegato, pancreas, stomaco, intestino).

Menta

menta-pancialeggera

  • Favorisce la digestione ed è utile in caso di gastrite.
  • Ottimo diuretico e coadiuvante nelle cure dimagranti e nelle diete.
  • Utile contro la pancia gonfia perché previene la formazione di gas in eccesso nell’intestino.

Come preparare il succo 5D?

Ricetta estratto di succo verde 5D – Disintossicarsi, Depurarsi, Drenare, Dimagrire, Digerire

Ingredienti:

estratto-succo-verde-5D-ingredienti-pancialeggera

2 mele

1 cetriolo

2 gambi di sedano

Zenzero fresco

½ limone

Un rametto di menta fresca

Procedimento:

1 – Sbucciare le mele, il cetriolo, il limone ed il pezzettino di zenzero (se non amate particolarmente il sapore piccante, iniziate aggiungendo soltanto una fettina di zenzero fresco; se lo tollerate bene potete aumentare la dose successivamente). Pulire i gambi di sedano.

2 – Tagliare le mele e il cetriolo a fette.

3 – Azionare l’estrattore e man mano inserire tutti gli ingredienti.

estratto-succo-verde-5D-disintossicnte-pancialeggera

4 – Bere il succo verde 5D subito, appena preparato per beneficiare appieno di tutte le proprietà benefiche.

estratto-succo-verde-5D-dimagrante-pancialeggera

E voi avete provato a preparare succhi disintossicanti, drenanti, depurativi, dimagranti e/o digestivi? Che ingredienti avete utilizzato?


Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con i tuoi amici, lasciaci un commento e seguici anche su Facebook e Twitter.

6 semplici abitudini per svegliarsi con la pancia piatta al mattino

Senza dubbio è fondamentale avere uno stile di vita sano e prestare attenzione a ciò che mangiamo per avere una pancia sempre in forma, ma con questi piccoli accorgimenti, con queste 6 semplici abitudini da adottare svegliarsi ogni mattina con la pancia piatta non sarà più un’impresa così difficile.

Il gonfiore addominale è molto spesso causato dall’accumulo di gas in eccesso o dalla ritenzione idrica, e chi soffre di gonfiore addominale spesso ha la pancia gonfia già al risveglio, soprattutto nel periodo caldo dell’anno. Tutto questo può creare disagio, fastidio ed anche imbarazzo, perché la pancia gonfia viene vista più come un problema estetico e siamo costretti a coprirla e a nasconderla. In questo caso, l’alimentazione ha un ruolo fondamentale ed è molto importante riconoscere il problema e le cause per poter cambiare lo stile alimentare. Ma per aumentare le probabilità di prevenire il gonfiore addominale ed avere sempre l pancia piatta possiamo anche adottare alcuni piccoli accorgimenti.

6 semplici abitudini per svegliarsi con la pancia piatta al mattino

1 – Attenzione allo yogurt a cena

pancia-piatta-yogurt-pancialeggera

Lo yogurt è un alimento dalle numerose proprietà benefiche, ma chi soffre di gonfiore addominale non dovrebbe consumarlo a cena. Lo yogurt contiene lattosio, e a volte anche altri tipi di zuccheri che possono provocare difficoltà di digestione, infiammazione e gonfiore. È consigliabile scegliere yogurt senza zuccheri aggiunti (yogurt bianco o greco) e senza lattosio, se siete particolarmente sensibili a questa sostanza.

2 – 10 minuti di movimento prima di andare a letto

pancia-piatta-movimento-pancialeggera

Il movimento ci aiuta a sentirci più leggeri e in forma. Una camminata leggera, 10 minuti di esercizio dolce oppure lo yoga, non solo possono facilitare il rilassamento ed il sonno, ma ci aiutano anche a dimagrire ed a sgonfiare la pancia.

Attenzione a non fare esercizi troppo impegnativi prima di andare a letto, perché lo sport fa aumentare la temperatura corporea e può rendere difficile il riposo.

3 – Fare una doccia fredda

pancia-piatta-abitudini-doccia-pancialeggera

La doccia fredda non solo è un rimedio eccellente per migliorare la circolazione sanguigna, ma è un toccasana per la nostra pancia: abbassando la temperatura del corpo, la doccia fredda va a stimolare i meccanismi responsabili per il consumo di energia corporea in modo da aumentare la temperatura.

L’acqua fredda ci fa bruciare più calorie e aiuta a dimagrire. Se non tollerate l’acqua fredda, provate con la doccia tiepida, ma mai calda.

4 – Fare una buona colazione

pancia-piatta-abitudini-colazione-pancialeggera

Iniziare la giornata con una buona colazione è molto importante se vogliamo sentirci sempre in forma e leggeri. Questa abitudine ci aiuta a risvegliare il metabolismo, ad aumentare la resistenza all’insulina e a ridurre l’infiammazione.

Un’ottima idea per una colazione che stimola l’intestino e previene il gonfiore potrebbe essere un mix di avena, cioccolato fondente, frutti rossi, noci, miele e cannella.

5 – Evitare gli snack industriali

pancia-piatta-snack-pancialeggera

Ad esempio, le barrette di cereali, che sono uno degli snack preferiti per chi vuole migliorare o mantenere la linea. Ma non sempre sono la scelta migliore per chi soffre di gonfiore addominale. Le barrette di cereali spesso contengono lattosio, soia e zuccheri che possono fare gonfiare la pancia.

6 – Bere estratti di frutta e verdura e/o frullati

pancia-piatta-abitudini-frullati-pancialeggera

Gli estratti di frutta e verdura sono una miniera di enzimi, vitamine e minerali, di cui abbiamo bisogno per stare bene e per sentirci sempre in forma. È importante consumare sempre estratti o frullati preparati freschi, da noi stessi a casa, invece di comprare succhi di frutta già pronti, ricchi di zuccheri e conservanti e poveri di sostanze nutritive.

Per una pancia sempre in forma gli ingredienti migliori da usare sono:

  • gli spinaci,
  • l’ananas,
  • i finocchi,
  • i mirtilli,
  • lo zenzero fresco,
  • le mele,
  • i cetrioli,
  • la menta.

Un’alimentazione sana (con il giusto apporto di calorie), uno stile di vita attivo e qualche piccolo accorgimento come queste 6 abitudini da adottare possono aiutare a ritrovare la pancia piatta, il benessere e la sicurezza…


Consigli di lettura: 

I Super Succhi, non solo danno sollievo alla sete e soddisfano l’esigenza di un’alimentazione ricca, ma deliziano anche i nostri sensi con un’esplosione di sapori straordinari. 

Super Succhi
100 ricette preparati con ingredienti super

Voto medio su 13 recensioni: Da non perdere


Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con i tuoi amici, lasciaci un commento e seguici anche su Facebook e Twitter.

Macrolibrarsi.it

Come calcolare il fabbisogno calorico giornaliero per dimagrire?

Prima di intraprendere un percorso di dimagrimento è necessario calcolare il fabbisogno calorico giornaliero del nostro organismo, perché molto spesso l’unica spiegazione ai chili di troppo è che si mangia più di quello che si brucia.

Solo perché alcune persone trovano più difficile mantenere la linea, non vuol dire che sono geneticamente portate ad ingrassare. Se esistono dei dubbi che riguardano alcuni problemi di salute che potrebbero provocare un aumento di peso (Leggi anche: Perché si ingrassa mangiando poco? Le 4 cause dell’aumento di peso non correlate al cibo. ), è fondamentale eliminarli seguendo i consigli del medico di fiducia e concentrarsi sul cambiamento dello stile di vita e delle abitudini alimentari.

Il primo passo verso il peso forma è calcolare di quante calorie al giorno abbiamo bisogno per essere attivi e dimagrire.

fabbisogno-calorico-giornaliero-pancialeggera

Come calcolare il fabbisogno calorico giornaliero per dimagrire?

Ogni boccone di cibo che consumiamo in più si trasforma in chili in eccesso. Dall’altro canto invece se mangiamo troppo poco, il nostro metabolismo rallenta. Questo si spiega con il fatto che il nostro corpo percepisce il deficit di cibo come un interruttore per entrare in modalità di risparmio delle calorie. Se si vuole perdere peso, invece di ottenere l’effetto contrario, bisogna trovare il giusto equilibrio fra la quantità di cibo che consumiamo e il movimento.

Gli aspetti da tenere in considerazione per calcolare il fabbisogno calorico giornaliero per dimagrire sono:

quanto-sei-attivo-pancialeggera

  • se lavori in ufficio (perlopiù seduto) o hai uno stile di vita sedentario con pochissimo esercizio fisico (camminata leggera) aggiungi 26 punti;
  • se hai uno stile di vita attivo e fai regolarmente esercizio fisico per almeno 45-60 minuti tre volte a settimana aggiungi 33 punti;
  • se hai uno stile di vita molto attivo e fai esercizio fisico intenso per almeno 45-60 minuti cinque giorni a settimana, aggiungi 40 punti.

Adesso bisogna moltiplicare questi punti con il peso in chilogrammi che desideri raggiungere. In questo modo si ottiene il fabbisogno calorico giornaliero per dimagrire.


Ad esempio:

Se pesi 65 chili, vuoi perderne 5 (65-5) e vai in palestra tre volte a settimana, devi moltiplicare 60 (il peso che vuoi raggiungere) per 33. Ottieni 1980 – il tuo fabbisogno calorico giornaliero per perdere peso.


Per eliminare il grasso e mantenere la massa muscolare dobbiamo consumare almeno 1200 calorie al giorno. Il nostro problema maggiore è che tendiamo a mangiare molto di più di quello che serve al nostro corpo.

Facciamo un esempio: se si consumano soltanto 500 calorie in più al giorno (che equivalgono a due merendine o a una bottiglia di Coca-Cola), in una settimana raggiungiamo 3500 calorie in più del necessario. Queste 3500 calorie si trasformano in 500 g di grasso.


Consigli di lettura:

Essere in linea oggi è quasi un obbligo sociale e le calorie, di conseguenza, sono guardate con sospetto. Questo libro, agile, preciso, essenziale, ci chiarisce ogni dubbio.

Le Calorie
Che cosa sono. Quante ne servono. Come calcolarle

Un altro accorgimento importante è di non dimenticare quello che beviamo durante il giorno. Quando calcoliamo il nostro consumo di calorie dobbiamo anche tener conto dei liquidi che assumiamo e che possono nascondere altre fonti di calorie (come succhi di frutta, bibite alcoliche o bevande zuccherate).

Una volta che sappiamo quale sia il nostro fabbisogno calorico giornaliero, dimagrire non sarà più una missione impossibile!


Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con i tuoi amici, lasciaci un commento e seguici anche su Facebook e Twitter.

Macrolibrarsi.it

8 combinazioni di alimenti che fanno dimagrire

È risaputo che un’alimentazione bilanciata è molto importante se si vuole perdere peso. Dimagrire sarà ancora più facile se prestiamo attenzione ad alcune combinazioni di alimenti, che risultano molto più salutari se consumati insieme. Di seguito presentiamo 8 combinazioni di cibi che possono aiutare a perdere peso e combinazioni di alimenti da evitare se si vuole tornare in forma.

Ecco le 8 combinazioni di alimenti che fanno dimagrire:

1 – Verdure e uova

combinazioni-uova-verdure-pancialeggera

Le uova facilitano l’assorbimento dei carotenoidi – pigmenti responsabili del colore delle verdure. I carotenoidi hanno un forte potere antiossidante e in combinazione con le uova apportano un doppio beneficio alle persone che lottano con il peso in eccesso.

2 – Pollo e peperoncino

combinazioni-pollo-peperoncino-pancialeggera

Il peperoncino ha la proprietà di bruciare i grassi e di aiutare il corpo a trasformare il cibo in energia. La combinazione peperoncino e pollo, ricco di proteine, è molto efficace per risvegliare il metabolismo e dimagrire.

3 – Legumi e mais

combinazioni-legumi-mais-pancialeggera

Alcune ricerche hanno dimostrato che i legumi, consumati regolarmente, possono facilitare la perdita di peso. Il mais, invece è ricchissimo di amidi – carboidrati complessi molto utili per la salute dell’intestino, per le difese immunitarie e per avere una forma fisica da invidiare!

4 – Tè verde e succo di limone

combinazioni-tè-limone-pancialeggera

Il tè verde contiene catechineantiossidanti potentissimi, e conosciamo tutti molto bene le moltissime proprietà benefiche del limone. Un altro suo pregio è la capacità di rendere le catechine contenute nel tè verde più assimilabili.

5 – Salmone e asparagi

combinazioni-salmone-asparagi-pancialeggera

Il salmone contiene i preziosissimi acidi grassi Omega-3, gli asparagi invece sono ricchi di fibre, proteine e ferro e possiedono inoltre importanti proprietà diuretiche.  Le vitamine contenute negli asparagi facilitano l’assorbimento degli acidi grassi omega 3.

6 – Mandorle e yogurt greco

combinazioni-mandorle-yogurt-pancialeggera

Alcune vitamine (in modo particolare le vitamine A, D e E) vengono assimilate meglio se consumate insieme ad alimenti grassi. Ad esempio, le mandorle sono una fonte preziosa di calcio, antiossidanti e vitamina E. Lo yogurt greco (intero) invece è ricco di vitamina D. Insieme sono una combinazione vincente!

7 – Avocado e spinaci

combinazioni-avocado-spinaci-pancialeggera

Sia gli spinaci che l’avocado contengono una quantità enorme di micronutrienti (vitamine e minerali). Un’insalata con questi due ingredienti può apportare enormi benefici, aiutare a depurare l’organismo e a perdere peso più facilmente. Altre coppie vincenti sono spinaci + olio d’oliva e avocado + pesce/pollo/pane integrale.

8 – Tonno e zenzero

combinazioni-tonno-zenzero-pancialeggera

Il tonno e ricco di omega 3 e impedisce l’accumulo dei grassi nella zona addominale. Con altre parole più tonno = meno pancia! Lo zenzero inoltre facilita la funzione intestinale e previene il gonfiore addominale. Quindi via libera all’insalata di tonno e al sushi, ma evitare la salsa di soia perché contiene troppo sale.

Alcune combinazioni di alimenti da evitare se si vuole dimagrire e mantenere il peso forma più a lungo:


Consigli di lettura:

Un programma alimentare completo che permette di mangiare illimitatamente, fa raggiungere il peso forma e porta ad un livello di salute ottimale.


  • Evitare di mangiare proteine (carne, pesce, uova ecc.) insieme a carboidrati (pane, patate, cereali…).
  • Non mangiare cibi acidi (agrumi, mele, pomodoro) insieme a carboidrati.
  • Evitare di mangiare proteine insieme a cibi ricchi di amidi o ad altri tipi di proteine (carne + uova, formaggio + uova, carne + noci ecc.).
  • Mangiare sempre la frutta lontano dai pasti principali.

Prestando più attenzione a quello che mangiamo e alle combinazioni di alimenti è molto più facile dimagrire e conservare il peso forma.


Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con i tuoi amici, lasciaci un commento e seguici anche su Facebook e Twitter.

Macrolibrarsi.it

Enzimi – Catalizzatori della Vita

Si dice che il segreto della vita è negli enzimi. Gli enzimi sono in grado di trasformare le sostanze, di modificarle, di costruire nuovi tessuti, e per questo motivo sono responsabili dei processi vitali e quindi anche della crescita e dello sviluppo di tutti gli animali, le piante e i microrganismi della Terra.

Cosa sono gli enzimi?

Enzimi_cosa_sono-pancialeggera

Perché gli enzimi sono importanti e che funzioni svolgono?

  • Sono vitali in tutti i processi;
  • Supportano il sistema immunitario e distruggono le tossine;
  • Permettono che le funzioni metaboliche avvengano correttamente;
  • Riattivano il metabolismo cellulare, sciogliendo i depositi accumulati nei tessuti (quindi ci aiutano a dimagrire!);
  • Scompongono il cibo e aiutano il corpo a ricavare il nutrimento, migliorano la digestione;
  • Sgonfiano lo stomaco e l’intestino, evitando fenomeni di fermentazione e putrefazione.

Enzimi_segreto_della_vita-pancialeggeraOgni organismo vivente, vegetale o animale, possiede gli enzimi. Quando si parla di enzimi si tende a pensare tuttalpiù agli enzimi digestivi, invece ne esistono più tipi.

Tipi di enzimi:

Gli enzimi del corpo umano si suddividono in due categorie:

  • Enzimi digestivi: sono presenti negli organi dell’apparato digerente e permettono l’assimilazione del cibo e la digestione di carboidrati (amilasi), grassi (lipasi) e proteine (proteasi);
  • Enzimi metabolici: che operano al livello cellulare, nei tessuti e negli organi e sono indispensabili per ogni attività biologica.
Lo sapevi che: La produzione di un enzima digestivo richiede l’utilizzo di ben 10 enzimi metabolici.

Enzimi per Guarire - Guida Pratica
Come curare ansia, problemi digestivi, allergie, emicranie, dolori alla schiena, artriti e molti altri disturbi

Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere


Dove vengono prodotti gli enzimi nel nostro organismo?questions-pancialeggera

  • nella cavità orale (ghiandole salivari);
  • dallo stomaco;
  • dal pancreas;
  • dal fegato;
  • nell’epitelio intestinale.

A parte gli enzimi prodotti dal corpo umano esiste un terzo gruppo di enzimi:

Enzimi degli alimenti: presenti nei cibi crudi e naturali, e che aiutano la digestione.

Lo sapevi che: Moltissimi enzimi degli alimenti vengono distrutti già a 48°. La disidratazione dei cibi, invece, che avviene al di sotto dei 40°, lascia intatta la maggior parte degli enzimi. Per questo motivo è indispensabile mangiare giornalmente cibi crudi.

La digestione è un processo molto complesso e richiede moltissima energia metabolica e la partecipazione di numerosi enzimi (ogni volta che mangiamo il nostro pancreas può rilasciare fino a 26 enzimi digestivi). Mangiando cibi ricchi di enzimi ci prendiamo cura anche del nostro pancreas.

Quali sono i cibi ricchi di enzimi?

  1. FRUTTA:Frutta_Enzimi-pancialeggera
  • Ananas (contiene un enzima che si chiama bromelina e che favorisce la digestione e combatte la ritenzione idrica, collaborando con i reni nella depurazione e stimolando l’attività dell’intestino);
  • Papaia (il suo enzima si chiama papaina, ed ha un’azione proteolitica);
  • Fragole (ricche di enzimi che attivano il metabolismo dei grassi e aiutano il corpo a dimagrire);
  • Kiwi;
  • Banane;
  • Fichi;
  • Mango;
  • Melone;
  • Pera;
  • Pompelmo rosa.
  1. Verdura_Enzimi-pancialeggeraVERDURA:
  • Cetrioli (contiene un enzima, chiamato erepsina, e che favorisce la distruzione dell’eccesso di proteine nei reni);
  • Broccoli;
  • Carote;
  • Lattuga;
  • Cipolle;
  • Songino;
  • Pomodori;
  • Finocchi;
  • Zucchine
  1. LATTICINI:Yogurt_Enzimi-pancialeggera
  • Yogurt (non contiene enzimi, ma favorisce la loro produzione da parte dell’organismo);
  • Kefir.
  1. ALTRI ALIMENTI:
  • Cibi fermentati: Kefir (dell’acqua), Tamari, Tofu, Miso, Umeboshi;
  • germogli-enzimi-pancialeggeraGermogli freschi vari;
  • Centrifugati di frutta e verdura;
  • Alghe (spirulina);
  • Zenzero;
  • Noci, Mandorle, Pistacchi;
  • Miele biologico.

Gli enzimi però hanno bisogno di essere attivati da altre sostanze, chiamate coenzimi, e che non sono altro che vitamine del gruppo B, vitamine A, C e K, e alcuni minerali – zinco, magnesio, rame, calcio. I coenzimi sono contenuti in maniera sufficiente negli stessi alimenti che contengono gli enzimi.

Sintomi da carenza di enzimi digestivi:

Cosa fare per non danneggiare l’equilibrio enzimatico e per restare sempre in linea?

  • consumare vegetali crudi;
  • accompagnare le proteine cotte a un’insalata cruda;
  • masticare sempre bene il cibo, in modo da preparare il pancreas alla produzione degli enzimi necessari e di proteggerlo da un sovraccarico di secrezione di enzimi.
  • al bisogno, assumere integratori di enzimi di buona qualità, in modo da assicurarsi di introdurre la giusta quantità di enzimi.

Nutriva Zymonorm - Enzimi
Integratore alimentare a base di enzimi digestivi

Voto medio su 3 recensioni: Buono


Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con i tuoi amici, lasciaci un commento e seguici anche su Facebook e Twitter.

Macrolibrarsi.it

Pancia Piatta con l’Alimentazione

Basta poco perché il nostro riflesso nello specchio non ci soddisfi più. Molto spesso è colpa di quella insidiosa “pancetta”, la cui tempistica di comparizione è a dir poco sbagliata. 🙂

Nella maggior parte dei casi, non è altro che gonfiore addominale e tono muscolare rilassato. Quest’ultimo, lo sappiamo, può essere gestito soltanto con regolare esercizio fisico. Molto spesso basterebbe seguire uno stile di vita attivo, fare delle passeggiate ecc., ma cosa si può fare per il gonfiore addominale?

Innanzitutto vediamo quali sono le fast-food-pancialeggeracause della pancia gonfia:

  • L’alimentazione (un consumo eccessivo di zuccheri, grassi, fritti, carni rosse, latticini, alcuni tipi di frutta e verdura, legumi ecc.)
  • Sedentarietà
  • Situazione prolungata di ansia e stress

Come possiamo difenderci e cosa si può fare per avere sempre la pancia piatta?

La risposta è: la dieta giusta e l’assunzione di batteri probiotici per riequilibrare la flora intestinale.

Pancia piatta con l’alimentazione:

Bisogna scegliere una dieta sana ed equilibrata, preferire le verdure cotte, consumare cibi ricchi di fibre, limitare il consumo di legumi, eliminare bevande gassate e alimenti con lieviti.

Questo è l’elenco di alimenti da evitare nel caso di gonfiore addominale:

latte, ricotta, insaccati, cipolla, cavolo, rapa, verza, cavolfiore, aglio, peperoni, radici amare, melanzane, minestre di verdura, cereali e derivati integrali, legumi, cibi ricchi di aria (panna montata, frappè), spezie, brodo di carne, frutta secca e oleosa, frutta, dolcificanti contenenti sorbitolo, mannitolo, xilitolo.

Se si soffre anche di flatulenza bisognerebbe rinunciare anche a:dieta-pancialeggera

patate dolci, scorze di agrumi, formaggio, castagne, anacardi, brocc
oli, cavoli, carciofi, avena, lievito presente nel pane
.

Gli alimenti da preferire invece sono:

  • formaggi stagionati es: grana, groviera, emmental, asiago;
  • prosciutto magro, culatello, bresaola;
  • mele, banane, spremute filtrate di agrumi;
  • carni bianche e rosse magre, pesci magri;
  • l’aceto di mele, grazie alla sua capacità di ristabilire l’acidità intestinale impedisce la crescita di batteri putrefattivi e fermentativi.
!!! Non bisogna assolutamente avere fretta quando si mangia, masticate bene per non ingerire troppa aria e per digerire meglio il cibo consumato.

Ti potrebbe interessare anche: Pancia Gonfia – Perché è importante masticare a lungo il cibo?


È sempre meglio cuocere la verdura, in modo tale che le fibre in essa contenute subiscano una parziale digestione che alleggerisce il lavoro dei batteri intestinali. La frutta andrebbe consumata lontano dai pasti per evitare la fermentazione eccessiva.

Pancia piatta con integratori e tisane:

integratori-pancialeggeraPer ridurre il gonfiore addominale, che molto spesso è causa di uno squilibrio della flora intestinale, è molto utile assumere integratori di fermenti lattici, probiotici e prebiotici per riequilibrare la flora intestinale. In questo caso gli integratori cosiddetti simbiotici.


Ti potrebbe interessare anche: Fermenti lattici, probiotici e prebiotici: Differenze e usi


Esistono anche degli integratori a base di erbe officinali che sono utili contro il gonfiore addominale e possono essere assunti dopo ogni pasto.

Un esempio e l’integratore Ventre Piatto Plus (Istituto Esemi_finocchio-pancialeggerarboristico L’Angelica) che racchiude tutti i benefici dei semi di Anice Verde, del Finocchio e del Carvi, che favoriscono il benessere intestinale e una linea esteticamente migliore. Il Rabarbaro completa l’azione benefica delle altre piante offrendo un ulteriore aiuto alla digestione e alla funzionalità intestinale. 

Le tisane (calde o fredde d’estate) a base di finocchio, sedano o menta favoriscono l’eliminazione dei gas e la digestione. Anche le bevande al karkadè hanno proprietà digestive e diuretiche e aiutano ad ottenere la pancia piatta.

Oltre alla dieta, è importante adottare uno stile di vita attivo, utile anche nella gestione dello stress quotidiano e dell’ansia. Essere in movimento costante aiuta il nostro intestino a funzionare meglio e quindi a prevenire il gonfiore addominale.

Un’alimentazione equilibrata, uno stile di vita sano e l’assunzione di integratori giusti sono la combinazione vincente per avere sempre la pancia piatta.


Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con i tuoi amici, lasciaci un commento e seguici anche su Facebook e Twitter.

Macrolibrarsi.it

Carciofo – Un “Fiore” tutto da amare

Il Carciofo “dal tenero cuore si vestì da guerriero”… 

Presenti sulle nostre tavole da ottobre ad aprile, i carciofi, per le loro proprietà depurative, tonificanti, “elimina tossine” rappresentano una miniera di proprietà benefiche, tanto che sono molto utilizzati in cucina ma anche come pianta medicinale in erboristeria e fitoterapia.

Le origini

Il carciofo è una pianta di coltura molto antica (se ne hanno descrizioni che risalgono all’VIII secolo a.C.), originaria del Medio Oriente e già usata dagli Egizi nella preparazione di diversi piatti; anche i Romani lo cucinavano con acqua e vino.

Fu introdotto dagli spagnoli in Sicilia verso la fine del 1200 e da qui si è poi diffuso nel resto dell’Italia. Il nome pare derivi da cinis poiché c’era l’usanza di concimare con la cenere i terreni in cui si sarebbero piantati i carciofi. Un’altra versione ci porta alla mitologia latina che racconta di Giove, innamorato di una ragazza di nome Cynarauna che venne poi trasformata nella pianta di carciofo.

carciofo-pancialeggera

Il carciofo viene raccolto da ottobre a giugno e molte specie fioriscono più volte durante l’anno. In Italia è molto diffuso, soprattutto nell’area mediterranea, le coltivazioni più estese si trovano in Liguria, Toscana, Sardegna, Lazio e Puglia ed il nostro paese, attualmente, è il maggior produttore a livello mondiale di carciofi.


Cardepat - 50 ml
Integratore alimentare favorisce la funzionalità epatica e digestiva – depurazione del fegato

Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere


Questo ortaggio, molto saporito e versatile in cucina, è anche ricco di principi attivi, che sono contenuti soprattutto nelle foglie, dette squame, e nel gambo. La parte che generalmente si mangia, il cosiddetto cuore, è in realtà un fiore, un capolino floreale per l’esattezza, colto prima che si apra e mostri la sua incredibile bellezza; contiene solo in piccola parte le proprietà benefiche attribuite alla pianta.

Proprietà del carciofo:

proprieta carciofo

Oltre a essere ricchi di silimarina e a fronte di pochissime calorie (solo 47 kcal/100 g) i carciofi apportano buone quantità di sali minerali come calcio, ferro, potassio, fosforo e magnesio nonché inulina, una fibra ottima per contrastare il colesterolo cattivo, favorire il senso di sazietà e il benessere intestinale.

Il segreto delle sue virtù risiede nella cinarina, la sostanza aromatica che gli conferisce il caratteristico sapore amaro e molte delle sue proprietà benefiche e terapeutiche

  • il carciofo protegge fegato e reni migliorando la loro funzionalità, abbassa il tasso di urea e colesterolo nel sangue;
  • aiuta nei casi di stitichezza da insufficienza epatica;
  • regola il tasso degli zuccheri nel sangue;
  • previene la formazione dei calcoli biliari.
  • nel cuore del carciofo è presente un acido clorogenico, antiossidante, che è in grado di prevenire malattie arteriosclerotiche e cardiovascolari. (Le sostanze con proprietà antiossidanti contenute nel carciofo hanno una potenziale attività antitumorale che è tutt’ora oggetto di ricerche onde poterne confermare la veridicità.)
  • inoltre, se impiegati come bevanda hanno una spiccata azione anticellulite grazie alla capacità di drenare i liquidi in eccesso. L´azione diuretica non è però immediata, ma si manifesta dopo un trattamento protratto per alcuni giorni. Quindi cercate di esser costanti perché altrimenti sarà difficile vederne i risultati. 

Ottimo per sostenere la depurazione dell’organismo nei cambi di stagione, in seguito ad un periodo di alimentazione poco corretta e in altri momenti di bisogno:


Esistono delle ottime tisane sgonfianti e depurative e l’acqua ottenuta dall’infusione delle foglie di carciofo, aiuta anche a tenere a bada il colesterolo.

Lo sapevi che: Per rendere più assimilabili gli elevati livelli di ferro presenti nei carciofi, è consigliabile abbinarli a cibi ricchi di vitamina C, come gli agrumi; tra l’altro, il gusto acidulo di quest’ultimi ben si sposa con i carciofi. 
Anche nella cosmesi, il carciofo trova spazio per la cura del cuoio capelluto nonché per stimolare la produzione dei bulbi.
  • carciofo-proprietà-pancialeggeraIl carciofo è un prezioso alleato contro lo stress; 
  • Il carciofo è dietetico e lassativo perché è ricco di minerali (potassio, calcio, fosforo, ferro).
  • Contiene molto ferro, come gli spinaci, ma in una forma più facile da assimilare e per questo è un ottimo aiuto contro lo stress è depurativo è antiossidante. 
  • Il carciofo si usa anche per il trattamento dei problemi digestivi (come il gonfiore addominale dopo i pasti) in quanto aumenta i movimenti intestinali e favorisce l’evacuazione.  Esistono delle ottime tisane sgonfianti e depurative e l’acqua ottenuta dall’infusione delle foglie di carciofo, aiuta anche a tenere a bada il colesterolo.

Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con i tuoi amici, lasciaci un commento e seguici anche su Facebook e Twitter.

Macrolibrarsi.it

Pancia Gonfia – Come contrastare il gonfiore in modo Naturale 2

Tisane a Freddo

Con l’arrivo dell’estate è indispensabile un consumo elevato di frutta e verdura di stagione che spesso ci fa sentire appesantiti e gonfi, e questa è l’ultima sensazione che vorremmo avere quando mettiamo il costume per andare in spiaggia!!!

Per contrastare il gonfiore addominale in modo naturale ci vengono in aiuto le ottime tisane a freddo, studiate ed ideate dall’istituto erboristico “L’Angelica”. Sono ottime dopo un pasto abbondante o affrettato, soprattutto d’estate quando si sente il bisogno di una bevanda digestiva e sgonfiante, rinfrescante e benefica.

Come contrastare il gonfiore addominale in modo naturale?

1 – Tisana a Freddo Sgonfiante Digestiva 

tisana-freddo-sgonfiante-digestiva

– Per aiutare la digestione e l’eliminazione dei gas intestinali

 

Ingredienti:

Camomilla – Cumarina – Genziana – Zenzero – Zingiberina

Genziana e Curcuma aiutano la funzione digestiva, a queste si aggiungono Limone, Camomilla, Zenzero e Carvi che non solo favoriscono la digestione, ma aiutano a mantenere la pancia sempre piatta eliminando i fastidiosi gas che si formano nell’intestino, a seguito di fermentazioni di ingredienti poco digeribili.

genziana camomilla e zenzero

Lo sapevi che: La Camomilla ha proprietà antinfiammatorie e antispasmodiche sulla muscolatura liscia dell’apparato digerente. Conosciuta da sempre come pianta ad attività antispasmodica particolarmente indicata per sedare manifestazioni dolorose, dalla colica intestinale alla dismenorrea, possiede indubbie proprietà antiinfiammatorie, cicatrizzanti ed ulceroprotettive, antibatteriche e, naturalmente, spasmolitiche. Si deve alla sua azione antispasmodica l'uso della pianta come sedativo del sistema nervoso anche se l’azione sul sistema digestivo è sicuramente la principale. Il nome Chamomilla, deriva da una parola greca che significa “mela nana” perché l’odore dei fiori ricorda quello delle mele ranette.

Leggi anche: "Le mille proprietà della camomilla"
Le mille proprietà della camomilla
 La Genziana viene impiegata pressoché esclusivamente come amaro-tonico e come tale rientra nella formulazione di numerosi aperitivi e preparati eupeptici. I suoi principi amari attraverso la stimolazione dei recettori gustativi provocano un aumento, per via riflessa, della secrezione gastrica e salivare, contribuendo così a stimolare e a migliorare i processi digestivi. Lo zenzero grazie alle sue proprietà stomachiche, carminative e antiemetiche favorisce la digestione, stimolando anche le produzioni gastriche e salivari.A livello intestinale agisce promuovendo la motilità dell'organo e la naturale regolarità.

Come preparare la tisana?

Per un’ottima tisana fredda, il filtro viene lasciato per 7 minuti circa in 200 ml di acqua fredda o a temperatura ambiente. Per chi lo desidera, si può aggiungere del ghiaccio o dolcificante a piacere. Si consiglia di assumere una tazza di tisana dopo i pasti fino a tre volte al giorno. È perfetta come bibita rinfrescante da portare d’estate sia in ufficio che in spiaggia.

Concediti anche tu una vera pausa di piacere e benessere con la tisana a freddo Sgonfiante!

Per leggere i pareri delle persone che hanno acquistato La Tisana Sgonfiante Digestiva, e per maggiori informazioni su questo prodotto e sulle modalità d’acquisto, clicca QUI.


2 – Tisana a Freddo Depurazione Quotidiana 

tisana-freddo-depurazione

– Per la depurazione dell’organismo e la funzionalità intestinale

 

Ingredienti: Carciofo – Cinarina – Fibre – Flavonoidi – Malva – Mela

Durante tutto l’anno è importante depurare il fegato e l’organismo, anche attraverso il controllo della corretta funzionalità intestinale.

In particolare dopo le feste o nei periodi di vacanza, quando cambiano le abitudini alimentari e i ritmi abituali delle nostre giornate, l’organismo ha bisogno di ritrovare il giusto equilibrio. Per questo motivo l’istituto L’Angelica ha ideato la tisana a freddo Depurazione Quotidiana che contiene Carciofo e Viola per favorire la depurazione dell’organismo, Malva e Mela per aiutare la corretta funzionalità intestinale. Il profumo e i sapori intensi di Menta e Vaniglia trasformano questa tisana in una piacevole pausa di fresco e dolce benessere.

malva e carciofo

Lo sapevi che: Il Carciofo è la pianta epatoprotettiva per eccellenza: ottimo come coleretico, regolatore del flusso biliare agisce sul metabolismo lipidico diminuendo la produzione di colesterolo e di trigliceridi endogeni e aumentandone l'escrezione o la ridistribuzione nei depositi naturali. Grazie all'azione epatoprotettrice si verifica, inoltre, una diminuzione delle tossine nel sangue solitamente legate a una disfunzione renale. 
La Malva è sinonimo di sostanza emolliente in virtù del contenuto in mucillagini: i fiori e le foglie, mucillaginosi, esercitano un'azione lenitiva sulle mucose infiammate dell’intestino. I Celti alla vigilia della festa di mezza estate, raccoglievano mazzi di malva e ci toccavano amici e parenti per proteggerli. Infine, i fiori venivano bruciati per aumentarne la potenza.

Come preparare la tisana?

Per un’ottima tisana fredda, il filtro viene lasciato per 7 minuti circa in 200 ml di acqua fredda o a temperatura ambiente. Per chi lo desidera, si può aggiungere del ghiaccio o dolcificante a piacere. Si consiglia di assumere una tazza di tisana al giorno, in qualsiasi momento della giornata.

Per leggere i pareri delle persone che hanno acquistato La Tisana Depurazione Quotidiana, e per maggiori informazioni su questo prodotto e sulle modalità d’acquisto, clicca QUI.


Queste due bevande sono perfette per prenderci cura con gusto della nostra pancia.

Scopri anche tu il piacere rinfrescante ed il benessere che regalano le tisane a freddo Sgonfiante e Depurazione Quotidiana!

Leggi anche:

Pancia Gonfia – Come contrastare il gonfiore in modo Naturale 1

Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con i tuoi amici, lasciaci un commento e seguici anche su Facebook e Twitter.

 

Pancia Gonfia – Perché è importante masticare a lungo il cibo?

Masticare a lungo durante i pasti può aiutare a mangiare meno e di fatto permette di ingerire in media il 12% di calorie in meno durante un pasto. Non male vero? Un piccolo accorgimento che può sostituire le faticose diete che non funzionano mai, e in più facilita la digestione facendoci dimenticare il solito senso di pesantezza dopo i pasti.

Masticare bene e a lungo è una sana abitudine che ci permette di:

  1. Assorbire più nutrienti ed energia dal cibo che consumiamo:

pancia-gonfia-masticare-energia-pancialeggera

Durante la masticazione il cibo viene scomposto in particelle più piccole che sono più facilmente digeribili. Questo rende anche più facile per l’intestino assorbire le sostanze nutrienti e l’energia dalle particelle di cibo che vi passano attraverso, ma anche di evitare alimenti impropriamente digeriti di entrare nel sangue causando una vasta gamma di effetti negativi per la salute.

  1. Mantenere un peso salutare

pancia-gonfia-masticare-peso-pancialeggera

 

Più a lungo si mastica, più tempo ci vorrà per finire un pasto, e la ricerca dimostra che mangiare lentamente può aiutare a mangiare meno e, in ultima analisi, di evitare l’aumento di peso o addirittura di perdere peso. Ad esempio, masticare il cibo il doppio del tempo come si farebbe normalmente può essere di aiuto nel controllare le dimensioni delle porzioni, e quindi contribuisce ad un consumo ridotto di calorie.

  1. Ottenere un contatto prolungato con la saliva:

pancia-gonfia-masticare-saliva-pancialeggera

La saliva contiene enzimi digestivi, e più a lungo si mastica, più tempo questi enzimi hanno a disposizione per iniziare a scomporre il cibo, rendendo così la digestione più facile per il nostro stomaco e per il nostro intestino tenue. Uno di questi enzimi è la lipasi linguale, un enzima che aiuta a scomporre i grassi. La saliva svolge anche il ruolo di lubrificante facilitando il passaggio del cibo attraverso l’esofago.

  1. Facilitare la digestione:

pancia-gonfia-masticare-digestione-pancialeggera

Il processo di masticazione scompone il cibo in piccoli pezzi rendendoli più liquidi e più facili da digerire. La digestione è in realtà un compito molto impegnativo per il nostro corpo, che richiede una grande quantità di energia, soprattutto se costretto a digerire il cibo impropriamente masticato. Masticare correttamente permette allo stomaco di lavorare in modo più efficiente e di digerire il cibo più velocemente.


Prodotto consigliato:

Carbone vegetale, Carvi, Zenzero e Finocchio in un unico integratore!

Eudigest No-Gas
Dopo i pasti, per eliminare i gas intestinali – Carbone vegetale, Carvi e finocchio

Voto medio su 2 recensioni: Buono


 

  1. Avere denti più sani:

pancia-gonfia-masticare-denti-pancialeggera

Durante la masticazione le ossa che tengono i denti vengono “allenati” e ciò contribuisce a mantenerli forti. La saliva prodotta durante la masticazione è anche utile, perché aiuta a eliminare le particelle di cibo dalla bocca e lavare via i batteri responsabili per l’accumulo di placca e la formazione di carie.

  1. Mantenere il controllo della flora batterica intestinale:

Le particelle più grandi di cibo masticato impropriamente entrando nel nostro stomaco non vengono digerite bene. Passando nel nostro intestino, i batteri che compongono la flora intestinale, cominciano a scomporre il cibo non digerito che inizia a putrefarsi, causando gonfiore, gas, diarrea, stipsi, dolore addominale, crampi ed altri problemi digestivi.


Prodotto consigliato:

Una tisana che aiuterà l’organismo ad affrontare le sfide di ogni giorno!


  1. Assaporare davvero il cibo che mangiamo:

pancia-gonfia-masticare-assaporare-pancialeggera

Se si mangia di corsa e non si mastica bene mentre si mangia, non possiamo veramente assaporare il cibo e far godere il nostro palato.  Prendere il tempo necessario per masticare correttamente, ci costringe a rallentare, ad assaporare ogni boccone e gustare veramente il piacere che il cibo ha da offrirci.

Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con i tuoi amici, lasciaci un commento e seguici anche su Facebook e Twitter.


Macrolibrarsi.it