Autore: Martina Ventura

InfoPills: Intolleranza alimentare o allergia?

InfoPills: Intolleranza alimentare o allergia?

Spesso queste due condizioni, intolleranze alimentari e allergie alimentari, si presentano con sintomi molto simili, tuttavia sono di natura diversa e bisogna saper distinguerle per poter trovare la cura adatta. Cos’è un’intolleranza alimentare? L’intolleranza alimentare è una reazione indesiderata del nostro organismo scatenata dall’ingestione di…

Alloro – tutti i benefici per una pancia più leggera

Alloro – tutti i benefici per una pancia più leggera

L’alloro è una pianta nobile, conosciuta sin dall’antichità e considerata sacra dai nostri antenati. L’alloro è apprezzato non soltanto per il suo profumo, ma anche per i numerosi benefici che apporta al nostro benessere. L’alloro(Laurus nobilis) è una pianta aromatica appartenente alla famiglia Lauraceae, diffusa nelle zone di clima mediterraneo. Lo…

InfoPills “Stipsi e Alimentazione”

InfoPills “Stipsi e Alimentazione”

La stipsi è uno dei sintomi più comuni del tratto gastrointestinale. Persone diverse hanno abitudini intestinali differenti, tutte ugualmente normali. Per qualcuno, ad esempio, può esser normale una frequenza di evacuazione di tre volte alla settimana, per altri, invece, di tre volte al giorno.

Per questo motivo, nella maggior parte dei casi, la stipsi è considerata un’alterazione dalla normale frequenza individuale.

Alcune volte la stipsi è dovuta a patologie di base (può essere un sintomo della sindrome del colon irritabile) oppure è la manifestazione della malattia di un altro sistema organico. Nella maggior parte dei casi, però, la causa della stipsi riguarda fattori legati allo stile di vita e all’alimentazione.

La stipsi, infatti, è spesso il risultato di una dieta povera di fibre e di un’inadeguata assunzione di liquidi.

A meno che non si tratti di un anomalia o di una malattia, la stipsi (chiamata anche stipsi semplice) può essere curata attraverso l’alimentazione.

Attenzione! I lassativi dovrebbero essere utilizzati con cautela, perché rappresentano solo soluzioni temporanee e, se assunti in modo inappropriato possono addirittura causare la stipsi o peggiorarne i sintomi.

Modifiche allo stile di vita, alla dieta e l’aumento del consumo di liquidi sono di solito sufficienti per risolvere e prevenire il problema.

Le indicazioni generali da seguire sono:

  • un aumento dell’apporto di fibre nella dieta (verdura, frutta e tutti i cereali);
  • evitare l’assunzione eccessiva di cibi grassi e/o ricchi di zucchero;
  • praticare esercizio fisico;
  • consultare il medico se i sintomi persistono o se la stipsi si presenta in un bambino.

Ecco quali sono gli alimenti utili e quelli da evitare in caso di stipsi.

Stipsi e Alimentazione – Infografica

Quali cibi dovremmo evitare e quali sono gli alimenti utili in caso di stipsi?

Infografica-Stipsi-pancialeggera

Oltre all’alimentazione errata, stress, ansia e mancanza di esercizio fisico contribuiscono ad aggravare il problema. E’ importante cercare di seguire uno stile di vita più sano e di evitare l’abuso di lassativi, che a lungo andare hanno un effetto negativo sulla motilità e la salute intestinale.

Consigli di lettura:

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo con i tuoi amici e lasciami un commento.

Grazie di cuore!

Conosciamo il Kefir: tutti i benefici e come prepararlo

Conosciamo il Kefir: tutti i benefici e come prepararlo

Da pochi anni è sbarcata anche in Italia un tipo di bevanda fermentata, che fa tanto bene alla nostra pancia. La conosciamo con il nome di Kefir. Cos’è il KEFIR? Il kefìr o chefir è una bevanda originaria dal Caucaso e ricca di fermenti lattici e probiotici ottenuta dalla fermentazione del latte. Cosa significa la parola…

Mal di pancia secondo la psicosomatica

Mal di pancia secondo la psicosomatica

La conosciamo tutti quella sensazione di mal di pancia prima di un evento importante, che sia un esame, una visita medica, un colloquio di lavoro, oppure un incontro romantico. L’ansia ci parla attraverso questo sintomo fisico e c’è una disciplina che studia l’influenza delle emozioni…

Infopills: Cos’è la gelotologia e perché ridere fa bene alla salute?

Infopills: Cos’è la gelotologia e perché ridere fa bene alla salute?

E’ risaputo che una sana risata è in grado di aiutarci ad affrontare al meglio le sfide di ogni giorno e di migliorare la qualità della vita. Non solo.

Ridere fa bene alla salute. E non lo dice solamente l’hashtag #riderefabeneallasalute, inventato qualche anno fa da un noto attore e conduttore televisivo, ma esiste addirittura una disciplina che studia gli effetti della risata sul benessere psico-fisico e sulla salute.

Cos’è la gelotologia?
questions-pancialeggera

La gelotologia è una nuova disciplina che studia in maniera sistematica l’attività del ridere, del buonumore e del pensiero positivo come rimedio a numerosi disturbi e malattie psicofisiche

La parola “gelotologia” proviene dal greco e significa: ghelos=riso e logos=scienza.

La gelotologia si basa sugli studi di psiconeuroendocrinoimmunologia (P.N.E.I.) che hanno sostanziato l’influenza diretta degli stati mentali e delle emozioni sul sistema immunitario e viceversa.

ridere fa bene alla salute citazione

Perché ridere fa bene alla salute?

Quando ridiamo si attivano delle strutture nervose periferiche che producono le endorfine.

Cosa sono le endorfine?

Le endorfine sono delle sostanze chimiche dotate di una potente attività analgesica ed eccitante che esercita sul corpo umano un effetto simile alla morfina e alle altre sostanze oppiacee.

Le endorfine aiutano a superare le situazioni difficili, perché hanno la capacità di regolare l’umore e vengono rilasciate dal nostro organismo in situazioni di stress come forma di difesa per sopportare meglio il dolore (fisico o psicologico).

ridere-pancialeggera

Ridere fa bene all’intero organismo umano:

  • il cuore e la respirazione accelerano i ritmi;
  • la pressione arteriosa diminuisce e i muscoli si rilassano;
  • la chimica del sangue si modifica e tanto più la risata è esplosiva e spontanea tanto più si verifica una generale caduta della tensione che si manifesta con una sensazione di liberazione che coinvolge tutti gli organi e le funzioni corporee che si regolarizzano;
  • ridere stimola l’aumento delle beta-endorfine da parte del cervello e del cortisolo (ormone che regola la risposta allo stress) per mezzo delle ghiandole surrenali, generando una sensazione di benessere e assenza di dolore;
  • la risata agisce sul sistema circolatorio, muscolare e soprattutto su quello immunitario tramite le giunzioni neuroendocrine che, collegando il cervello ai linfociti (cellule del sangue che hanno il compito di reagire in modo specifico nei confronti di qualsiasi agente estraneo, o antigene), ne stimolano la produzione.

La terapia della risata

Inventata nel 1995 da Madan Kataria, un medico di Bombay, e chiamata anche lo Yoga della risata, questo tipo di terapia consiste in una serie di esercizi, che aiutano a migliorare la respirazione, andando ad agire proprio sul diaframma.

La terapia della risata apporta enormi benefici sia alle funzioni respiratorie, quelle cardiache e al sistema immunitario, sia all’autostima e al benessere psicologico delle persone che la praticano.

Consigli di lettura:

Il nostro corpo e la nostra mente non sono due mondi separati, ma sono due parti, in continua influenza reciproca. È ormai provato che il buon umore e la fiducia rafforzano l’organismo aumentando le difese immunitarie, mentre stati depressivi favoriscono l’insorgere o il peggioramento di malattie.

Risorse:

#1 benessere.com

#2 WebMd

#3 “Leader della Risata”, di Alberto Terzi, Bruna Ferrarese

Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con i tuoi amici e lasciami un commento.

Grazie di cuore!



Pancia piatta con l’alimentazione

Pancia piatta con l’alimentazione

Basta poco perché il nostro riflesso nello specchio non ci soddisfi più. Molto spesso è colpa di quella insidiosa “pancetta”, la cui tempistica di comparizione è a dir poco sbagliata! Nella maggior parte dei casi, non è altro che gonfiore addominale e tono muscolare rilassato.…

La stipsi è donna?

La stipsi è donna?

Ed ecco che arriva lei, la nemica del nostro benessere psicofisico, quando meno te lo aspetti e proprio quando vorresti sentirti in forma, leggera e sicura di te. È la stipsi (stitichezza o costipazione) che si fa quasi sempre accompagnare da disagio emotivo, pesantezza e…

Cornetti “Brutti, ma buoni”

Cornetti “Brutti, ma buoni”

Cornetti integrali con marmellata di prugne per una colazione dolce e sana

Questa è una ricetta facile, veloce e molto light. Inoltre, è adatta sia ai vegetariani, che ai vegani e alle persone intolleranti al lattosio, poiché per spennellare i cornetti si può usare sia il latte intero, che quello scremato, senza lattosio oppure il latte di soia.

Questi cornetti non contengono né uova, né burro, né derivati del latte.

Non sono bellissimi, ma sono buonissimi e, soprattutto, salutari. 🙂

Questa ricetta è una dichiarazione d’amore per il nostro intestino, sia grazie all’utilizzo della farina integrale di farro, ad elevato contenuto di fibre, che alla marmellata di prugne – entrambe amiche dell’intestino.

La preparazione dei cornetti integrali alla marmellata di prugne è estremamente facile e veloce. In davvero pochissimi passaggi i cornetti saranno pronti ad essere infornati.

Ricetta dei cornetti integrali di farro con marmellata di prugne

Ingredienti:

  • 300 g farina integrale di farro bio
  • 50 g zucchero di canna bio
  • 1 bustina di lievito per i dolci
  • Vanillina
  • 100-150 ml acqua
  • 5 cucchiai olio di semi bio
  • Sale
  • Latte per spennellare
  • Marmellata di prugne bio (non troppo liquida)

Procedimento:

1 – Mescolate in una ciotola tutti gli ingredienti secchi: la farina, lo zucchero, il lievito, la vanillina, un pizzico di sale.

2 – Aggiungete l’olio e l’acqua ed impastate bene. Se l’impasto risulta troppo asciutto aggiungete dell’altra acqua. Se invece è troppo appiccicoso aggiungete un altro po’ di farina. Dovete ottenere un panetto morbido e liscio.

cornetti-preparazione1-pancialeggera

3 – Con l’impasto formate dieci palline circa. Stendete ogni pallina con il mattarello, coprite con della marmellata di prugne ed arrotolate i cornetti. Se necessario spennellate i lembi con del latte per chiudere meglio il cornetto ed evitare la fuoriuscita della marmellata durante la cottura.

cornetti-procedimento-pancialeggera

4 – Adagiate i cornetti su una teglia ricoperta con carta da forno, spennellate la superficie con del latte (a piacere – scremato, intero, senza lattosio, di soia) e spolverate con dello zucchero di canna.

cornetti-procedimento2-pancialeggera

5 – Cuocete i cornetti in forno a 180 gradi (160 se ventilato) per 20-25 min. Devono risultare dorati in superficie. Quando raffreddano spolverate i cornetti “brutti, ma buoni” con dello zucchero a velo, se vi piace, e…Voilà! 

cornetti-pronti-pancialeggera
ricette-pancialeggera

Per questa ricetta ho utilizzato:

Solo il meglio della frutta! Polpa con 100% di prugne d’Agen ricche di fibre, senza zuccheri aggiunti. Certificata biologica.

Polpa di Prugne d'Agen
Senza zucchero aggiunto
Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

 Il farro integrale, macinato nel molino a pietra di Torre Colombaia e totalmente biologico, è ottimo per preparare torte dolci, paste frolle, biscotti, pasticcini, crostate, pane, pizze, ecc.

Farina Integrale Bio di Farro
Macinata a pietra
Voto medio su 29 recensioni: Da non perdere

Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con i tuoi amici e lasciami un commento. Grazie di cuore!

“Amico intestino” – libro rivoluzionario e di grande utilità pratica

“Amico intestino” – libro rivoluzionario e di grande utilità pratica

“Amico intestino – Perdi peso e migliora il tuo umore con la dieta che riattiva l’intestino” è un libro che denuncia le abitudini che intaccano l’intestino ed offre un approccio semplice ed efficace che comprende alternative sicure a tanti farmaci (antibiotici), consigli su come gestire la fermentazione…