Vivere la Leggerezza con ... Naturalezza

Sindrome dell’intestino irritabile – quale dieta scegliere? Alimenti consigliati e cibi da evitare.

Sindrome dell’intestino irritabile – quale dieta scegliere? Alimenti consigliati e cibi da evitare.

Condividi con i tuoi amici!

Questo disturbo fastidioso affligge tantissime persone e in modo particolare le donne. I rimedi proposti in caso di sindrome del colon irritabile sono davvero tanti, ma spesso poco efficaci. L’unico modo per combattere i sintomi in modo risolutivo è l’alimentazione. Ma quale dieta scegliere? E quali sono gli alimenti consigliati ed i cibi da evitare in caso di intestino irritabile?

Cos’è la sindrome dell’intestino irritabile?

Innanzitutto è giusto specificare che la sindrome dell’intestino irritabile non è una malattia, ma piuttosto un disordine nel modo in cui lavora una parte del sistema digestivo e nel modo in cui esso reagisce ad alcuni aspetti, come ad esempio il cibo e lo stress.

I principali sintomi del colon irritabile sono:

Questi sintomi compaiono o peggiorano durante i periodi di stress psicofisico elevato, oppure vengono scatenati da alcuni cibi consumati od altri fattori individuali.

Come scegliere la dieta per il colon irritabile?

intestino-irritabile-dieta-pancialeggera

La dieta da seguire dipende moltissimo dal sintomo di base con cui si manifesta questo disturbo: se soffrite di stipsi, di diarrea oppure se i vostri sintomi sono dovuti ad un’intolleranza alimentare.

Gli stili alimentari da tenere in considerazione in caso di colon irritabile sono principalmente tre:

1 – La dieta ad alto contenuto di fibre

Adatta per chi ha come sintomo base la stipsi e mirata anche a ridurre il dolore addominale.

Alimenti consigliati:

  • pane integrale;
  • farina integrale;
  • riso integrale;
  • cereali ad alto contenuto di fibre;
  • patate cotte con la buccia;
  • verdure verdi come spinaci, broccoli, porri, cavoletti di Bruxelles, insalata;
  • cavoli;
  • carote;
  • fagioli, fave, piselli, lenticchie;
  • carciofi;
  • fagiolini;
  • mele;
  • albicocche;
  • banane;
  • lamponi;
  • pere;
  • ficchi;
  • datteri;
  • more;
  • prugne cotte;
  • uvaspina…

È fondamentale bere grandi quantità di liquidi (acqua, infusi e tisane) per consentire alle fibre di “lavorare” bene senza assumere liquidi da altre parti del corpo.


Attenzione alla crusca:

Questo è un alimento che di solito agisce efficacemente per molte persone, ma alcune possono trovare che la crusca peggiori i loro sintomi. Per comprendere se è un alimento adatto alla vostra situazione, iniziate prendendo un cucchiaio di crusca due o tre volte al giorno con i pasti, man mano aumentando o diminuendo le dosi in base agli effetti che ha su di voi.


intestino-irritabile-dieta-no-fibre-pancialeggera

2 – La dieta a basso contenuto di fibre

Adatta per chi ha come sintomo base la diarrea.

Alimenti consigliati:

  • pane bianco;
  • farina bianca;
  • riso bianco;
  • pasta non integrale;
  • tutti i tipi di carne (pesce, pollo, manzo);
  • latte;
  • formaggi;
  • uova;
  • yogurt;
  • burro;
  • tutte le verdure tranne quelle indicate nell’elenco degli alimenti da evitare;
  • frutta senza buccia;
  • frutta cotta o in scatola;
  • marmellate di frutta;
  • tè;
  • caffè;
  • gelato ecc.

Alimenti da evitare:

  • crusca;
  • cereali integrali;
  • muesli e fiocchi;
  • farina integrale;
  • dolci di frutta;
  • avena;
  • riso integrale;
  • pasta integrale;
  • piselli, fagioli, lenticchie, mais;
  • buccia delle patate;
  • frutta secca (uva sultanina, prugne, fichi, albicocche ecc.);
  • lamponi, ribes, more;
  • noci

intestino-irritabile-dieta-intolleranza-pancialeggera

3 – Dieta di esclusione

Se invece nessuna di queste due diete ha funzionato, molto probabilmente soffrite di un’intolleranza per un particolare alimento (o forse più di uno). In questo caso si possono verificare anche altri sintomi come ad esempio: asma, eczema, febbre da fieno, rinite, orticaria ecc.

Questa dieta esclude tutti quegli alimenti che potrebbero provocare un’intolleranza e deve essere seguita per almeno due settimane. Durante questo periodo è consigliato tenere un diario in cui annotare i cibi consumati ed eventuali sintomi avvertiti.

Alimenti consigliati:

  • carne: vitello, agnello, petto di pollo, prosciutto crudo magro;
  • pesce: pesce bianco lesso o arrosto;
  • verdure: tutte le verdure fresche, insalata, legumi (fagioli, piselli, lenticchie), verdure in scatola (ad esempio pomodori o salsa di pomodoro);
  • frutta: mele, pere, ananas;
  • cereali: riso e farina di riso, miglio, grano saraceno;
  • oli: girasole, oliva;
  • bevande: infusi di rosa canina, camomilla, succhi di frutta fresca (mele, pere, ananas, uva), succo di pomodoro, acqua minerale non gassata;
  • odori;
  • pepe nero;
  • miele.

Alimenti da evitare:

  • carne: manzo, salsicce;
  • pesce fritto;
  • verdure: patate, cipolle, mais dolce, verdure in lattina con salsa;
  • frutta: agrumi (arance, mandarini, limoni);
  • cereali: grano, cereali da colazione, segale, avena, orzo, mais, farina di mais;
  • polvere per crema pasticcera;
  • olio di mais;
  • aceto;
  • latte di mucca, latte di capra, burro, formaggio, yogurt;
  • uova;
  • bevande: tè e caffè (anche decaffeinati), spremute di frutta, bevande in lattina, alcool, acqua del rubinetto.
  • marmellata;
  • alimenti contenenti conservanti, coloranti ed altri additivi alimentari;
  • lievito e estratto di lievito;
  • noci;
  • cioccolato.

Oltre a questi alimenti è consigliabile escludere altri cibi che sapete di certo crearvi disturbo.

L’intestino ha bisogno di cibo sano consumato in modo calmo e rilassato. Scegliere con cura la dieta giusta da seguire è molto importante, ma non basta. Insieme all’alimentazione imparare a gestire lo stress è fondamentale per poter combattere in modo efficace i sintomi del colon irritabile.


Consigli di lettura:

Consigli pratici per una corretta alimentazione basati su studi scientifici e migliaia di casi clinici trattati con successo, il tutto condito con un linguaggio semplice e avvincente!

Buona Cacca a Tutti!
Un intestino sano per migliorare la nostra salute fisica e mentale – Con l’esclusivo programma “Detox intestinale in 10 giorni”

Voto medio su 16 recensioni: Da non perdere


Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con i tuoi amici, lasciaci un commento e seguici anche su Facebook e Twitter.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *