Cellulite: 7 trattamenti estetici che funzionano

Cellulite: 7 trattamenti estetici che funzionano
Condividi

La cellulite è un inestetismo che preoccupa moltissimo le donne e può diventare fonte di imbarazzo e disagio. Tantissime donne scelgono di sottoporsi a diverse tecniche e cure anticellulite, ma vediamo quali sono i trattamenti estetici che funzionano davvero. 

Cos’è la cellulite?

Il termine medico per definire ciò che chiamiamo “cellulite” è panniculopatia edemato-fibro-sclerotica (Pefs).

La cellulite è una degenerazione del grasso cutaneo dovuta fondamentalmente a due cause:

Esistono diversi fattori di rischio, che possono portare facilitare la comparsa della cellulite, e fra questi vi sono:

  • l’appartenenza al sesso femminile;
  • l’appartenenza alla razza caucasica;
  • gli squilibri ormonali (ciclo mestruale, gravidanza, menopausa…);

Il problema può essere aggravato da:

  • lo stile di vita sedentario;
  • l’alimentazione scorretta;
  • il fumo;
  • l’alcol;
  • la cattiva postura;
  • l’abbigliamento troppo stretto;
  • l’eccessiva esposizione al sole.

Per poter curare la cellulite in modo efficace bisogna tener conto della causa primaria del disturbo e adottare un approccio a 360 gradi, eliminando tutte le cattive abitudini che possono far peggiorare il problema.

Cellulite-trucco-video-clickbank-banner

Per eliminare la cellulite esistono diversi trattamenti estetici, ma vediamo quali sono i trattamenti che funzionando avvero.

7 trattamenti estetici anticellulite efficaci

#1 Termosauna con massaggio

trattamenti-anticellulite-termosauna

È un trattamento anticellulite di grande efficacia. Si tratta di creare un effetto sauna con l’aiuto di una coperta termica.

Prima di essere avvolta in questo plaid termico, la persona viene completamente ricoperta con delle sostanze che fanno sudare, come la paraffina, soluzioni saline o gel modellanti. Si rimane così per circa un’ora: si tratta della cosiddetta fase di svuotamento, durante la quale, sudando, si perdono i liquidi in eccesso e le tossine.

Successivamente è necessario lasciare la persona riposare sul lettino per qualche minuto per la “fase di reazione”.

La face successiva del trattamento è il rimodellamento, che avviene attraverso massaggi manuali mirati, che si avvalgono anche dell’uso di oli essenziali e prodotti specifici.

Quali controindicazioni?

Questo trattamento non è indicato per chi ha problemi di pressione (bassa o alta), di vene varicose o di capillari, poiché con il caldo li aggraverebbe ulteriormente.

Quanto spesso?

2-3 volte alla settimana.

#2 Fangoterapia

trattamenti-anticellulite-fangoterapia

Prima di spiegare di cosa si tratta, è fondamentale capire cosa sono i fanghi.

Esistono diversi tipi di fanghi, che sono composti da argille macerate in acqua termale, che vengono poi associate a componenti naturali, come le alghe (ricche di sostanze ad azione lipolitica), la centella asiatica (utile per sgonfiare), il caffè (uno stimolante dei processi lipolitici), il tè (azione antiossidante) ed altri.

Questo “impasto” crea un’azione sinergica che favorisce il rilassamento della muscolatura, stimolando le funzioni dell’organismo. Questi fanghi hanno un efficace proprietà di assorbimento di grassi e tossine.

Il procedimento dovrebbe iniziare con l’applicazione di uno scrub, che permette di eliminare le cellule morte e le tossine, lasciando la pelle più ricettiva al trattamento.

La fase successiva prevede un accurato massaggio drenante con l’aiuto di oli a base di estratti vegetali (alghe, edera, guaranà, capsico, rosmarino, ginepro ecc.). In questo modo vengono sbloccati i linfonodi, in modo da far scorrere la linfa accumulata nelle cellule, facilitando l’assorbimento dei ristagli e degli stati irritativi.

Solo successivamente vengono applicati i fanghi, si coprono con del cellophane e poi con una termocoperta e si lascia in posa per 25-30 minuti.

Il fango caldo crea vasodilatazione, che facilita lo smaltimento di liquidi e tossine in profondità.

Per finire, si lava via il fango e si massaggiano le parti interessate per drenare i liquidi in eccesso e sciogliere gli accumuli di grasso localizzato.

Quali controindicazioni?

Nessuna.

Quanto spesso?

Almeno 12 sedute, divise per 3 volte alla settimana.

#3 Massaggi riducenti

trattamenti anticellulite massaggio

Si tratta di massaggi manuali della durata di 45 minuti per seduta, preceduti da uno scrub e da una fiala con effetto riducente che viene applicata sulle zone critiche e rimane in posa per 10 minuti, creando un effetto calore.

Si inizia, quindi, con un massaggio che va a stimolare il microcircolo, con l’aiuto di una crema.

L’ultima fase consiste nell’applicazione di uno gel freddo, che creando vasocostrizione, ha un’azione tonificante e drenante.

Quali controindicazioni?

Nessuna.

Quanto spesso?

2-3 volte a settimana.

#4 Drenaggio linfatico manuale

trattamenti-anticellulite-massaggi-linfodrenanti

Chiamato anche linfodrenaggio, questa tecnica di massaggio particolare si pone l’obiettivo di spostare il liquido dalla zona in cui ristagna, verso i vasi linfatici.

A differenza dei massaggi tradizionali, il linfodrenaggio non si avvale dell’ausilio di oli o creme, poiché è indispensabile che vi sia una buona aderenza della mano del massaggiatore alla zona da manipolare, al fine di spingere nel modo migliore la pelle e il liquido accumulato sotto di essa.

Il drenaggio linfatico manuale, oltre a combattere la cellulite, contribuisce a calmare il dolore della zona in trattamento e rilassa i muscoli tesi.

Quali controindicazioni?

Nessuna.

Quanto spesso?

2-3 volte alla settimana.

Biosnel Formula Potenziata – Integratore per la Cellulite e le Ritenzione Idrica
Integratore naturale per contrastare gli inestetismi della cellulite e ritenzione idrica. Grazie agli estratti secchi titolati di Ananas,Centella,Garcinia Cambogia, Vite Rossa e Gynostemma libera il tessuto connettivo dall’infiammazione
Voto medio su 6 recensioni: Buono
€ 28

#5 Pressoterapia

Questo è un trattamento anticellulite efficace soprattutto in caso di edemi e gonfiori. Può essere praticato d estetiste professioniste, fisioterapisti e medici.

La pressoterapia si effettua inserendo la gamba in un macchinario che, gonfiandosi e sgonfiandosi ritmicamente per circa 45 minuti, drena i liquidi, migliorando la circolazione.

L’effetto anticellulite si basa su un’azione fisica che agisce sulla circolazione venosa e linfatica rendendola più efficiente e migliorando di conseguenza gli inestetismi.

Quali controindicazioni?

Sconsigliata in presenza di varici o flebiti.

Quanto spesso?

2 volte alla settimana per almeno 2-3 mesi.

#6 Elettrostimolazione

elettrostimolazione

Questa è una tecnica che, mediante l’utilizzo di impulsi che agiscono sui punti motori dei muscoli e sui terminali nervosi, provoca una contrazione muscolare molto simile a quella volontaria.

Il suo funzionamento è molto semplice. Vengono applicati degli elettrodi sui muscoli delle gambe, delle cosce e dell’addome. L’intensità degli impulsi inviati dalla macchina può essere più o meno forte e viene regolata in base alla gravità del problema e alla sensibilità del paziente.

Utile per eliminare le adiposità, l’elettrostimolazione aiuta a ridurre la cellulite, essendo questa un problema legato anche ai tessuti che rivestono le fasce muscolari.

Generalmente, ciascuna seduta può dura 40 minuti e consiste in 4 fasi da circa 10 minuti. Le prime 3 consistono in un massaggio graduale di scioglimento, l’ultima in un drenaggio che elimina le tossine attraverso l’urina.

Quali controindicazioni?

Sconsigliata in caso di vene varicose (che solitamente, però, sono nella parte bassa della gamba).

Quanto spesso?

Almeno 10-15 sedute a cadenza settimanale.

Vuoi ottenere lo stesso effetto dei trattamenti cosmetici comodamente a casa tua? In soli 15 minuti al giorno per zona da trattare, questo apparecchio rivoluzionario, che combina 2 tecnologie all’avanguardia: l’elettrostimolazione muscolare e la terapia laser a bassa intensità, puoi sbarazzarti del grasso ostinato e della cellulite in sole 8 settimane.

VAI ALLA RECENSIONE COMPLETA==>VAI ALLA RECENSIONE COMPLETA<==

#7 Microvibrazione compressiva

Questo metodo si avvale di un particolare manipolo, all’interno del quale è collocato un cilindro in cui sono installate 55 sfere rotanti.

L’azione rotatoria di questo macchinario agisce come una pompa che libera i tessuti cellulitici dai liquidi in eccesso e dalle tossine che ristagnano nel tessuto connettivo sottocutaneo, facilitando il drenaggio verso i connettori linfatici e le stazioni ghiandolari annesse.

In questo modo si ottengono una riduzione e una riossigenazione della zona trattata. Il moto oscillatorio di questo strumento, invece, agisce sul microcircolo, inducendo un effetto meccanico di vaso-costrizione e vaso-dilatazione. Questo ha come risultato un miglioramento della circolazione sanguigna.

Quali controindicazioni?

Nessuna.

Quanto spesso?

Almeno 1 volta alla settimana.

Conclusione:

Se soffri di cellulite e sei alla ricerca di trattamenti estetici che funzionano, quelli inclusi nell’elenco qui sopra sono sicuramente fra i più efficaci in assoluto. Senza dubbio, prima di scegliere il trattamento da effettuare, è fondamentale valutare bene la situazione, il tipo di cellulite di cui si soffre e le cause primarie, che hanno portato allo sviluppo dell’inestetismo.

Non dimentichiamoci anche della prevenzione, dell’importanza di uno stile di vita attivo e di un’alimentazione sana ed equilibrata.

Solo agendo su più fronti, con un’azione sinergica, è possibile combattere efficacemente la cellulite e prevenirne la ricomparsa.

Risorse:

“Cellulite addio”, di Emanuela Sacconago

Reduction in thigh circumference and improvement in the appearance of cellulite with dual-wavelength, low-level laser energy and massage.

The Effects of Neuromuscular Electrical Stimulation Training on Abdominal Strength, Endurance, and Selected Anthropometric Measures.

Condividi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.